Brindisi, 50 infermieri mobilitati per riempire i posti vacanti. E in 28 restano al palo

Il consigliere regionale Aurelio Gianfreda (foto Il Paese Nuovo)
Il consigliere regionale Aurelio Gianfreda (foto Il Paese Nuovo)

La copertura di 50 posti vacanti di infermiere mediante avviso di mobilità regionale volontaria esterna disposta dalla Asl di Brindisi, è al centro di un’interrogazione urgente che il Consigliere regionale, Aurelio Gianfreda (Democratici Autonomi) ha presentato al Presidente della Regione Nichi Vendola e all’assessore regionale alla Salute Elena Gentile, per conoscere quali iniziative intendono mettere in atto per dare risposte esaurienti ai ventotto infermieri, in graduatoria concorsuale dal 2007, che vorrebbero occupare detti posti.

Gianfreda chiede a Vendola e Gentile se ritengono prioritario che in mancanza di personale infermieristico, l’Asl di Brindisi debba assumere, espletata la graduatoria di mobilità regionale volontaria, solo dalla graduatoria concorsuale vigente per poter garantire livelli di assistenza e servizi base per i pazienti prioritariamente rispetto alla mobilità interregionale e alla assunzione attraverso nuove procedure concorsuali in vigenza di graduatorie valide fino al 2016.

joezampetti
snasto
nuovarredo
Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter