La testimonianza: «Ambulanza ostacolata dal passaggio a livello tra Oria e Francavilla: vi sembra normale?»/video

passaggio-a-livelloSi riceve e pubblica da un lettore:

Gentile redazione,
mi chiamo Antonio De Gaetani e voglio segnalarvi un episodio che ha lasciato sconcertato non solo me, ma credo anche tutte le persone che si sono ritrovate in una situazione che si è verificata mercoledì pomeriggio sulla strada provinciale 56 che collega Oria a Francavilla Fontana.
Verso le 17,20 stavo percorrendo quella strada in direzione Francavilla quando sono arrivato al passaggio a livello e, trovandolo chiuso, mi sono incolonnato come già mi era capitato altre volte. Ma questa volta ho assistito, assieme a tutta la gente che era in attesa dell’apertura della sbarra, a qualcosa che mai avrei pensato potesse accadere: arriva un’autoambulanza a sirene spiegate.

Ho praticamente assistito a tutta la scena: macchine incolonnate e arriva l’autoambulanza davanti alla sbarra, l’autista che mi sembrava stesse gridando qualcosa, immagino forse stesse imprecando per la situazione che s’era creata, fa una manovra in una stradina laterale vicina alla sbarra e torna indietro sempre a sirene spiegate.

Mi era successo in passato di dover aspettare che la sbarra si alzasse ma mai, dico mai, mi s’era presentata una situazione del genere ai miei occhi.
Con mia moglie ci siamo guardati per un attimo e abbiamo iniziato a confrontarci e ci siamo chiesti “Cosa succede in questi casi?”
L’ambulanza che da Oria deve andare all’ospedale di Francavilla deve passare da li obbligatoriamente, se torna indietro deve farsi un giro impossibile del paese visto che l’ospedale è sulla strada per Ceglie Messapica.

I minuti di attesa ad un passaggio a livello potrebbero essere fatali per chiunque ne richieda l’intervento. Se anche trovasse la sbarra del passaggio a livello aperta, un’aumbulanza deve attraversare tutto il centro di Francavilla prima di arrivare al Camberlingo. E tutti sanno che via Baracca, per esempio, è una delle strade più trafficate della città.

Oggi mi ritrovo con tanti dubbi e tante domande che non so a chi fare. Spero magari che questa lettera venga letta da chi sa darmi delle risposte. E sono anche convinto che
esistono carabinieri, poliziotti o autisti di ambulanze che pur di evitare il traffico attivano la sirena per passare avanti e ne fanno un uso non proprio corretto, ma non mi sembrava il caso di mercoledì pomeriggio. Spero possiate soddisfare le mie richieste. Buon lavoro e grazie per l’attenzione.

joezampetti
snasto
nuovarredo
Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter