La Puglia perde 80 milioni di euro di Fondi Ue. FI: “Colpa di Vendola”. Lui: “No, colpa di Fitto”. Ecco chi mente

Nichi Vendola
Nichi Vendola

In tempi di vacche magre, anzi sceletriche, quali sono quelli che stiamo vivendo, 80 milioni di euro avrebbero senza dubbio fatto comodo ai pugliesi. Ma ne dovremo fare a meno. La Corte dell’Unione europea ha infatti confermato il taglio di 80 milioni di euro al Fondo di sviluppo regionale per la Puglia già deciso nel 2009. Contro quel colpo di scure vibrato dall’Ue per “irregolarità sistemiche” e “gravi carenze sulla gestione e nel controllo dell’utilizzo dei fondi Ue”, si oppose l’Italia. Ma inutilmente. La Corte dell’Unione Europea ha respinto quel ricorso, ribadendo definitivamente la sforbiciata.

Immediata la reazione delle forze politiche ostili al governatore Nichi Vendola che hanno colto la palla al balzo per sparare a palle incatenate contro il presidente della Regione: “E’ la certificazione del fallimento del governo Vendola” ha tuonato Forza Italia. Alla quale ha rintuzzato il centrosinistra: “E’ colpa vostra e del governo Fitto”. Chi avrà ragione? La cronistoria non aiuta, poiché l’incidente di percorso si è consumato proprio negli anni che hanno segnato il passaggio dall’era Fitto all’era Vendola.

Gli 80 milioni in questione rientravano nel pacchetto di fondi Por 2000-2006 (governo Fitto). I controlli dell’Unione europa arrivano però solo nel 2007 (governo Vendola). E cosa venne a galla durante quelle verifiche? Emerse che sull’utilizzo di quei fondi la Regione Puglia aveva effettuato controlli all’acqua di rose. Un riassiunto dell’intera faccenda lo fornisce lo stesso Vendola: “E’ come se fosse arrivata oggi la multa per un divieto di sosta fatto tanti anni fa, all’epoca del mio predecessore. Chiariamolo una volta per tutte che si parla solo dei progetti finanziati a valere sul programma 2000-2006 e non quelli 2007-2013”.

Shirin Wheeler, portavoce del commissario Ue alle Politiche regionali
Shirin Wheeler, portavoce del commissario Ue alle Politiche regionali

A spegnere le polemiche, dando sostegno alle ragioni del governatore Vendola, ci pensa oggi Shirin Wheeler, portavoce del commissario Ue alle Politiche regionali Johannes Hahn.Per Wheeler, che spiega: “Il caso che riguarda la Puglia, per la programmazione 2000-2006, è avvenuto in una Regione che ora vede una delle migliori performance nell’uso delle risorse Ue nell’Italia meridionale, e dove non abbiamo problemi particolari”. Punto.

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter