«Io, ridotto sul lastrico da quell’avvocato: si è preso 20mila euro, rifiutando di fatturarmeli»: la denuncia di un lettore

lettera-anonima-denunciaHa scritto anche al prefetto di Brindisi, al presidente dell’Ordine degli avvocati, alla Procura, ai carabinieri e alla guardia di finanza, il lettore – o la lettrice – si presume di Torre Santa Susanna che, nei giorni scorsi, ha inviato una lettera anonima alla redazione de Lo Strillone per denunciare una situazione che, se corrispondesse a realtà, avrebbe tutti i connotati di un’ingiustizia e forse anche di un illecito: «Questo avvocato (nome e cognome del professionista che omettiamo per ragioni di equità, ma siamo disposti a riferirlo a chi di competenza) mi ha ridotto sul lastrico: prima mi ha chiesto 20mila euro, poi mi ha costretto a denunciare il falso contro il mio vicino di casa, infine mi ha fatto perdere la causa civile e si è rifiutato di emettere fattura superiore a un importo di 5mila euro». Questo, in estrema sintesi, il sendo dello scritto, che abbiamo deciso di riportare fedelmente qui di seguito:

«Ill.mo Sig. Prefetto

Mi scuso se faccio pervenire in modo anonimo questa lettera, ma dato il contenuto, e la persona di cui le parlerò, ho paura ad espormi in prima persona.

Più di 10 anni fa iniziai una causa civile contro un mio vicino di casa per un problema di confini, io affidai la pratica all’avvocato (…), che ha lo studio a (…) in via (…).

All’inizio faceva tante promesse, che avremmo vinto di sicuro, che il mio vicino aveva torto e che l’avvocato del mio vicino non capiva niente.

Io, dopo le prime udienze, avevo capito che le cose non sarebbero andate bene, ma l’avvocato (…) insisteva a voler continuare e mi fece fare pure una denuncia penale contro il mio vicino per minacce e insulti, ma non era vero niente.

Dopo tutti questi anni, e tanti soldi dati all’avvocato (…), più di 20.000 euro, ho perso la causa civile e sono stato denunciato per aver detto cose false contro il mio vicino, cose che aveva inventato l’avvocato (…).

Ho chiesto all’avvocato (…) se almeno mi facesse una fattura di tutti i soldi che gli avevo dato, ma lui ha detto che non me la può fare e, se la voglio, al massimo me la fa di 5.000 euro.

Ora mi trovo senza soldi, con una denuncia e con la causa persa.

Io le scrivo perché non voglio che ad altre persone succede quello che è successo a me.

Forse non gli farete niente, ma almeno io ve l’ho detto».

snasto
nuovarredo
Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter