Francavilla, il sindaco: «La villa comunale sarà riqualificata e più sicura, ma serve il contributo di tutti»

raccolta siringhe villa comunale francavilla 1Le denunce, tanto dei cittadini quanto dei movimenti politici, sono all’ordine del giorno: «La villa comunale di Francavilla non è un bel posto in cui trascorrere del tempo, non è tenuta bene e neanche sicura». Nei giorni scorsi, abbiamo pubblicato alcune foto eloquenti, alcune delle quali riproponiamo anche qui: siringhe, calcinacci, deiezioni canine, calcinacci e pericoli assortiti a compromettere quotidianamente la serenità e l’incolumità di adulti, ragazzi e soprattutto bambini. Oggi, interpellato sull’argomento, il sindaco Maurizio Bruno assicura che l’amministrazione era già a conoscenza delle criticità del principale polmone verde cittadino e di avere già programmato tra gli interventi da effettuare la relativa riqualificazione, messa in sicurezza e vigilanza.

Degrado nella villa comunale di Francavilla
Degrado nella villa comunale di Francavilla

«I problemi che interessano la villa comunale li conosciamo da tempo – dice Bruno – non a caso io stesso avevo inserito questo tema all’interno del programma elettorale presentato agli elettori: proprio in questi giorni abbiamo sollecitato l’Ufficio tecnico per la redazione del progetto di riqualificazione che prevede anche la realizzazione di una pista da jogging entro il perimetro dei giardini pubblici; inoltre, ho già dato disposizioni perché l’orario di chiusura sia spostato più avanti di un’ora rispetto ad adesso, recuperando un’ora sull’apertura: non più alle 22, ma almeno alle 23, salvo eventi del cartellone estivo; è in fase di studio, poi, il prolungamento dell’orario di servizio dei vigili urbani, che attualmente soltanto al sabato effettuano turni fino alle 24: a loro ho chiesto una maggiore attenzione alla villa comunale, così come la stessa attenzione mi attendo dalle forze dell’ordine presenti sul territorio negli orari che rimangono scoperti dall’attività della polizia municipale; maggiore presenza esigo anche dagli addetti al servizio di raccolta dei rifiuti, che nel ripulire la villa comunale devono prestare la massima cura e attenzione».

maurizio-bruno-prima-fascia-tricoloreSono numerosi gli eventi del programma estivo che si sono tenuti e si terranno all’interno della villa comunale, ma pare che le criticità  si verifichino quando per l’appunto la villa è chiusa e diventa preda dei vandali e rifugio sicuro per i tossicodipendenti (che ci sono e le foto lo testimoniano e destano far riflettere non tanto e non solo in termini di paura, ma sicuramente sotto un punto di vista culturale e sociale). Va da sé che componente fondamentale per giardini pubblici all’altezza di questa definizione, e al riparo da pericoli e degrado, è necessario un contributo di civiltà da parte dei cittadini, liberi di frequentarli ma soprattutto tenuti ad assicurarne il decoro e, quindi, a non insozzarli.

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter