Con l’auto nel mercato di Oria: l’uomo dà in escandescenza, ma il comandante dei vigili lo riporta alla calma

Mercato settimanale di Oria (frame da www.carpediemoria.it)
Mercato settimanale di Oria (frame da www.carpediemoria.it)
Il comandante dei vigili di Oria Emilio Dell'Aquila
Il comandante dei vigili di Oria Emilio Dell’Aquila

Momenti di tensione mercoledì mattina all’interno del mercato settimanale di Oria, in piazza Ippocrate, quando un uomo, già noto alle forze dell’ordine per vecchi precedenti, si è fatto spazio fra le bancarelle affollate alla guida della sua auto. Sul posto, assieme a due vigili urbani, c’era il comandante della polizia municipale di Oria Emilio Dell’Aquila, che ha subito raggiunto e bloccato la vettura, invitando il conducente a liberare la zona. Di primo acchito si è infatti pensato a un forestiero che, senza rendersene conto, aveva imboccato le strade del mercato senza più riuscire – pur volendo – a uscire da quel dedalo. Invece no. Alla guida della vettura c’era un uomo del posto, che non si era affatto sbagliato: pretendeva di passare in macchina tra le file di bancarelle.

Una convinzione che non ha rivalutato nemmeno quando il comandante dell’Aquila lo ha invitato, con le buone, a uscire dal mercato. Per tutta risposta l’uomo ha dato in escandescenze, uscendo dall’auto a alzando voce e toni contro l’ufficiale della polizia municipale. Compresa la situazione e soprattutto lo stato confusionale in cui versava in quel momento l’ “interlocutore”, Dell’Aquila, anziché rispondere per le rime e usare i grimaldelli dell’autorità, ha fatto uso della propria esperienza per riportare l’uomo alla calma. C’è voluto del bello e del buono: il comandante ha dovuto sorbirsi qualche insulto e sprloqui, ma alla fine, con estrema pazienza, è riuscito a persaduere l’uomo. Il quale, rientrato in macchina, ha abbandonato le strade del mercato. Della vicenda sono stati informati il commissario prefettizio e i carabinieri, che nelle ore successive hanno tenuto sotto controllo l’uomo.

banner rizzo carpe diem

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter