Francavilla, domani (11 dicembre) alle medie Bilotta i risultati del progetto “Ri-proviamoci” contro la dispersione e l’insuccesso scolastici

dispersione scolasticaCi saranno il sindaco di Francavilla Fontana, Maurizio Bruno, il direttore dell’Usr Puglia ufficio VIII Vincenzo Melilli, il dirigente scolastico dell’Itst “Fermi” Giovanni Semeraro e docenti della cattedra di Psicologia dell’educazione dell’università di Bari all’incontro, in programma domani sera (11 dicembre 2014) a partire dalle 17, durante il quale saranno presentati i risultati del progetto “Ri-proviamoci” contro la dispersione scolastica e per incentivare il successo degli studenti tra i banchi di scuola.

Il progetto “Ri-Proviamoci”, realizzato nell’ambito del Piano Azione e Coesione del Programma Operativo Nazionale 2007/2013 (PON F-3-FSE02-POR-PUGLIA-2013-51 Obiettivo F “Promuovere il successo scolastico, le pari opportunità e l’inclusione sociale” Azione 3 “Sviluppo di reti contro la dispersione scolastica e la creazione di prototipi innovativi”). Il progetto ha coinvolto 129 allievi, 104 genitori e 32 docenti delle Scuole in Rete di Francavilla Fontana. Il progetto è nato per dare un forte segno di concretezza, attraverso il contributo delle quattro scuole in rete di Francavilla Fontana, il supporto della Cattedra di Psicologia dell’Educazione dell’Università “Aldo Moro” di Bari, dell’ente Ambito Territoriale 3 F.F. e dell’Associazione sportiva Asd Basket F.F. e un sistema di accoglienza che può contare su un team di psicologi professionisti. Finalità del progetto è realizzare e promuovere nuove metodologie educative volte a prevenire e contrastare l’abbandono e l’insuccesso scolastico, favorire l’inclusione sociale e migliorare l’autostima. “Ri-Proviamoci” offre alla scuola l’occasione di mettersi in gioco, con competenza, impegno e innovatività, per sperimentare un prototipo di azioni educative volto a raggiungere il successo scolastico in tutte le fasce di età (dalla scuola primaria alla scuola secondaria di secondo grado).

CarpeDiem_XMAS

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter