Una francavillese in odore di santità

Madre Anna
Madre Anna

Una suora originaria di Francavilla Fontana potrebbe essere presto beatificata e avviarsi quindi alla santificazione. L’editto per la causa di beatificazione risale alla primavera dello scorso anno (17 aprile 2014) e reca in calce la firma dell’arcivescovo di Capua monsignor Salvatore Visco, il quale con esso invita tutti i fedeli che l’abbiano conosciuta a riferire al Tribunale arcivescovile notizie della sua santità terrena o di cause ostative alla prosecuzione del processo.

Si parla di Madre Anna Sardiello, al secolo Carolina Sardiello, nata nella Città degli Imperiali il 20 luglio 1894 e deceduta il 22 luglio 1982 a San Prisco di Caserta.

Colei che avrebbe preso nome madre Anna visse a Francavilla fino all’età di 28 anni, quando decise di partire per consacrarsi a Dio a San Salvatore in Campo a Roma, sede delle Suore dell’Apostolato Cattolico, congregazione fondata da San Vincenzo Pallotti.

Suor Anna ha poi fondato la Congregazione delle Suore Eucaristiche di San Vincenzo Pallotti, oggi presente a San Prisco, Frascati, Roma, Caserta, Maddaloni, Santa Maria Capua Vetere, Sant’Agnello oltre una missione in Chiclayo (Perù meridionale).

«Sin da quando, il 23 novembre 1922, iniziò il proprio cammino di consacrazione nella vita religiosa – scrive nell’editto monsignor Visco – la Serva di Dio si è distinta per l’intensa vita di preghiera, incentrata nel Santissimo Mistero dell’Eucarestia e nella preghiera di riparazione. Fortificata su tale roccia, fondò la Congregazione delle Suore Eucaristiche di San Vincenzo Pallotti».

«Già accompagnata – prosegue il documento – in vita da una diffusa opinione circa le virtù che l’hanno spinta a consacrarsi senza condizioni al servizio della Chiesa e alla causa della salvezza delle anime, all’indomani della morte ne risaltarono, agli occhi di quelli che l’avevano conosciuta, l’assidua pratica della carità, l’umiltà profonda, la fede inesausta e l’abbandono fiducioso alla volontà del Signore, insieme alla fortezza e alla prudenza di governo».

La sua fama di santità – è scritto ancora – è andata accrescendosi negli anni.

Nella sua città d’origine vivono parenti di madre Anna, la quale è tornata in più occasioni a Francavilla dove, in particolare, insieme con altre consorelle, ha visitato la chiesa-convento dei padri Liguorini.

Sulla sua figura ha scritto una biografia don Antonio Di Nardo, che ne esalta la vicenda spiritual ed ecclesiale.

Anna.

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter