Attentato a Latiano / Esplosione devasta il negozio “Ottica Galeone” appena inaugurato

GibaG_Banner 500x250Lo Strillone

1925319_10206072146751308_8616871722292501780_n Attentato nella notte, poco dopo le 3, ai danni di ottica “Ottica Galeone”, punto vendita inaugurato appena una settimana fa a Latiano, in via Sant’Antonio, nel cuore del centro abitato. Un’esplosione violentissima, conseguenza – pare – dell’incendio dei gas sprigionatisi dal liquido infiammabile versato nel locale dagli autori dell’attentato, ha causato danni per decine di migliaia di euro: le saracinesche sono state divelte dall’onda d’urto, i cristalli mandati in frantumi, buona parte della merce, gli occhiali, i mobili, gli arredi, strumenti e macchinari da lavoro, sono stati distrutti dalla deflagrazione e dall’incendio. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, e con loro i carabinieri della locale stazione.

Tra i primi ad accorrere, lo stesso Roberto Galeone, titolare del negozio andato distrutto. Pochi i dubbi su quanto accaduto. Non di incidente si è trattato: di una fuga di gas o di un’altra sfortunata casualità, ma di un attentato in piena regola, realizzato da individui al momento senza volto e senza nome. L’esatta ricostruzione della vicenda è ancora al vaglio degli investigatori, ma stando a quanto appreso fin’ora sembra da escludere l’ipotesi dell’ordigno esplosivo. Pare infatti che gli attentatori, dopo aver scavato un foro nel muro che separa il negozio di ottica da un’altra abitazione vicina abbandonata, abbiano versato nel locale del liquido infiammabile, al quale hanno poi dato fuoco.

10983410_10206072146111292_5969638287170839960_nNon è chiaro se fosse loro intenzione provocare l’esplosione o limitarsi ad appiccare il rogo. Fatto sta che i gas sprigionatisi dal liquido versato sul pavimento, hanno in pochi secondi pervaso il locale trasformandolo in una camera di combustione pronta a deflagrare. E così è stato. E non è escluso, che nella potente e forse imprevista esplosione, non siano rimasti feriti gli stessi autori del gesto. Ammesso che di più persone si tratti. Difficile in queste prime ore capire il perché di quanto accaduto. Inutile quindi avventurarsi in ipotesi o possibilità, ma un fatto sembra certo: al titolare dell’attività non è arrivata alcuna richiesta estorsiva o di altro genere. Circostanza che Galeone avrebbe ribadito ai carabinieri, ora al lavoro per fare luce su quanto accaduto e individuare i responsabili.

Le indagini non sembrano partire da zero. L’ingresso del punto vendita andato distrutto è sorvegliato da ben due telecamere, e le immagini che gli occhi elettronici dovrebbero aver registrato, potrebbero rivelarsi determinanti. Sembra inoltre che l’attentato non sia stato un episodio isolato. L’apertura del nuovo punto vendita marchiato Galeone a Latiano è infatti stata più volte rinviata per via di altri inquietanti danneggiamenti e sabotaggi. Nessuno però di portata paragonabile all’incendio di questa notte. In attesa di novità sul fronte investigativo, non resta che la conta dei danni: stimabile in decine di migliaia di euro.

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter