Francavilla, Saponaro e Milone (Fi): «Decreto sui dirigenti revocato causa bipolarismo amministrativo, vogliamo vederci chiaro»

carmen saponaro
Carmen Saponaro

Si riceve e pubblica:

Abbiamo appreso dagli organi di stampa la pubblicazione del decreto n. 41 del 12 febbraio 2015 inerente la sostituzione degli incarichi di direzione e gestione delle Aree funzionali del Comune di Francavilla Fontana e la successiva revoca del medesimo decreto.
Alle perplessità circa le modalità di scelta del primo cittadino, attualmente misteriose, si aggiungono altri dubbi riteniamo legittimi. Nel decreto di revoca, infatti, viene citata una nota riservata a data 19 febbraio 2015 che avrebbe poi indotto il primo cittadino a ritornare sui suoi passi.
A questo punto, le domande sorgono spontanee.

Perché viene emanato un decreto che in pochi giorni viene poi revocato?
A che titolo era stato emanato il decreto di sostituzione degli incarichi dirigenziali?
Quali conseguenze amministrative e politiche avrebbe prodotto un decreto di tal genere se non fosse stato revocato?
Quali sono le ragioni di “opportunità” che hanno portato alla revoca e modifica della deliberazione del 12 febbraio?

Sara Milone
Sara Milone

E ancora, a fronte di un regolamento interno del corpo di polizia Municipale che prevede la sostituzione del dirigente con il suo vice in caso di assenza, quali sono i riferimenti normativi su cui poggia il provvedimento redatto dal primo cittadino?
Dulcis in fundo, corrisponde al vero il riferimento nel decreto di revoca di una nota riservata, così come riportato nell’articolo di un quotidiano locale di oggi, 23 febbraio? A che titolo viene emanata tale nota? A firma di chi? Perché riservata?

Domande, queste, che ogni cittadino si pone davanti ad una Amministrazione che millanta quotidianamente legalità ma soprattutto trasparenza amministrativa.

Vice coordinatrice di Forza Italia, Sara Milone
Tesoriere di Forza Italia, Carmen Saponaro

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter