No allo scarico fognario nel Mar Jonio: piazza gremita a Manduria, politici contestati – FOTO

giba new 2

11157119_912988782096567_867300470_o

Si riceve e pubblica:

Dopo l’estate scorsa ad Avetrana, domenica sera a Manduria ha avuto luogo la manifestazione di protesta contro la costruzione del depuratore consortile con scarico a mare a Specchiarica. La manifestazione è stata organizzata dal Coordinamento Intercomunale che ha riunito tutte le realtà associative e partitiche oltre che i Comuni del territorio.

I vari rappresentanti si sono susseguiti sul palco applauditi dai cittadini, solo i politici sono stati contestati, visto che proprio a causa della gestione politica questa vicenda del depuratore è andata avanti senza poter essere modificata o fermata.

Tutti sono fermamente convinti di dover impedire l’apertura del cantiere che potrebbe partire a breve.

Non solo. Le due amministrazioni, le associazioni ed i cittadini hanno studiato e proposto sistemi di depurazione alternativi ecosostenibili che consentirebbero di salvare il mare e tutto il delicato ecosistema del territorio. Ma tutto questo lavoro non e’ stato preso in considerazione da chi decide.

Invece il depuratore che l’Aquedotto Pugliese e la Regione Puglia hanno deciso di realizzare è un anacronistico ecomostro già fuori legge prima di essere costruito, in quanto classificato in Tabella 1/2, in pratica un tritatutto che andrebbe a scaricare liquami fognari a 900 metri dalla riva.

11163542_912622872133158_212233002_o

Nonostante la Comunità Europea abbia messo al bando questa tipologia di depuratore, qui se ne autorizza e sollecita la costruzione: c’è qualcosa che non quadra.
Ma questa non è l’unica cosa che non quadra in questa faccenda: da anni i cittadini locali e gente che da ogni dove viene qui a passare le vacanze si chiedono come sia possibile nel 2015 sostenere questo progetto folle contro ogni logica di protezione del mare, di salvaguardia dell’ambiente, di rispetto democratico delle scelte dei cittadini.

11121269_913120152083430_1911421830_n

Specchiarica, il sito prescelto per lo scarico a mare, è al centro fra due Riserve Naturali (Salina dei Monaci e Fiume Chidro) create proprio per proteggere il delicato ecosistema di questo ultimo tratto di costa dello Ionio ancora “selvaggio”, con tanto di chilometri di spiagge, dune e macchia mediterranea, saline che ospitano fenicotteri rosa, acque cristalline ricche di foreste di Poseidonia.

pubblicità lo strillone

Urmo è il sito prescelto per la costruzione del mega-depuratore che dovrebbe servire Sava ed Avetrana: a meno di 2km dal suddetto mare, qui immerse fra boschi e macchia mediterranea di rara bellezza, piccole case di vacanza ospitano un tranquillo turismo naturalista.
Tutto questo potrebbe essere irrimediabilmente distrutto da un tale depuratore con scarico a mare.

Questa è una ricchezza che questo territorio non può permettersi di perdere, visto che turismo, agricoltura e pesca sono parte integrante dell’economia locale.
Non solo. Questa è una RICCHEZZA che nel 2015 il pianeta Terra non può perdere, perché il mare è di tutti

Chi lascerà compiere questo disastro ambientale è già colpevole per averlo solo pensato.

11119471_913120072083438_1301499815_n

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter