Come se ad Oria non si votasse per la Regione: nessun comizio concesso ai candidati

strillone-A-Vincenti

 

 

Come se ad Oria il 31 maggio ci fossero soltanto le elezioni comunali e non anche quelle regionali.

Sì, perché nessuno spazio è stato accordato a partiti e movimenti che non si sono presentati alla riunione in cui sono stati concordati, presso il Comune, date e orari per i comizi in piazza Manfredi e in piazza Lorch.

Il risultato è che i candidati alle regionali non potranno in alcun modo parlare, sempre ammesso che ve ne sia qualcuno interessato a farlo.

Un fatto insolito, poiché in genere anche quando, in occasione di altre tornate passate, qualcuno tra gli interessati non si era presentato alla riunione ad hoc, gli erano comunque stati riservati alcuni comizi. Magari non negli orari di punta, ma il suo diritto a parlare agli elettori finora era stato sempre preservato.

Non così oggi e, a meno di gesti “galanti” da parte di chi uno spazio l’abbia ottenuto e che magari accetti di cedere il posto, i candidati alla Regione – aspiranti presidente compresi – non potranno fare comizi ad Oria.

gianluca schifone
Propaganda elettorale. Committente responsabile: il candidato

dippolito

Propaganda elettorale. Committente il candidato
Propaganda elettorale. Committente il candidato
Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter