Francavilla, Noi Ci Siamo si riunisce, ma Camarda non si presenta: è fuori dalla maggioranza

 

noi ci siamo ciracì de gaetano bruno
Bei tempi, circa un mese fa

Nessuna schiarita nonostante il tentativo: Noi Ci Siamo resta da una parte, il consigliere e vicepresidente del Consiglio comunale Antonio Camarda da un’altra.

La riunione convocata ieri sera alle 18,30 dal segretario Salvo Di Gaetano non ha, insomma, sortito gli effetti sperati, anzi: Camarda, pure invitato, ha preferito non presentarsi e dunque ora è, di fatto, un uomo solo al comando. Al comando di se stesso.

Già, perché la porta per lui rimane comunque aperta, ma finché non deciderà di spiegare la sua posizione dopo il tentativo di golpe dell’altro ieri – quando ha praticamente cacciato il vecchio direttivo e nominato un nuovo segretario – si colloca fuori dal movimento da lui stesso fondato e anche fuori dalle grazie del sindaco Maurizio Bruno, altro socio fondatore, e all’esterno della stessa maggioranza.

Camarda ora, stando proprio alle parole del primo cittadino, non sarà più convocato alle riunioni del centrosinistra né sarà considerato organico all’amministrazione nell’ambito delle assise. Se poi vorrà votare ugualmente con Bruno e i suoi, si tratterà di sue scelte personali: se non lo dovesse fare, nessuno avrà nulla da ridire, nessuno lo rimprovererà.

Qui di seguito il comunicato diramato ieri sera dal movimento, a seguito della riunione non risultata proficua:

«Il movimento noi ci siamo a seguito della riunione tenutasi oggi alle ore 18:30 alla presenza delle cariche istituzionali dello stesso (segretario, vice segretario e tesoriere) e dei soci fondatori firmatari dello statuto, compreso il sindaco Maurizio Bruno, assente il consigliere Antonio Camarda, per quanto ripetutamente invitato a chiarire la sua posizione, ha deciso di considerarlo non più rappresentativo delle istanze del movimento.

I membri fondatori sono sempre pronti ad un possibile confronto chiarificatore e, a prescindere da questo, tengono a precisare che il sostegno a questa amministrazione, ed al sindaco Maurizio Bruno in particolare, è e sarà deciso e convinto, con gli strumenti democratici fin qui impiegati che ci hanno distinti nella trasparenza del nostro operato».

Poi Di Gaetano ha scritto sul suo profilo fb: «Vorrei ringraziare tutti gli amici, i rappresentanti politici e anche tante persone inaspettate che in questi due giorni per me difficili mi hanno dato forza con i loro attestati di stima… L’impegno per la mia città, anche se in un futuro non lontano mi farò da parte per cercare di realizzare al meglio i miei obbiettivi nello studio e nella famiglia, ci sarà sempre… Amo Francavilla e la difenderò sempre, con o senza la politica, che non è mai stata la mia ragione di vita… Grazie ancora a tutti».

 

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter