Un anno senza Max: sub, militare e amico esemplare. Che le onde continuino a esserti lievi

lostrillone_ALMIONEGOZIO

 

 

Massimiliano Memmola
Massimiliano Memmola

massimiliano memmolaSe avesse potuto scegliere, probabilmente non se ne sarebbe andato via così. O forse sì, preso da quel mare che tanto amava, ma non prima di aver salutato e rassicurato tutti: gli affetti di sempre, i suoi familiari, la sua promessa sposa, i suoi tantissimi amici. Con ciascuno di loro Massimiliano Memmola, 33 anni appena e un amore viscerale verso i suoi tanti interessi, aveva condiviso qualcosa di forte e di chiaro, qualcosa che nessuno potrà rimuovere, nonostante gli anni trascorrano frenetici e impassibili, noncuranti del tempo, delle fortune e delle sventure degli uomini.

Era il 30 giugno del 2014 – esattamente un anno fa, più o meno verso quest’ora – quando siamo stati costretti a dare una tragica notizia che mai avremmo voluto dover dare, una notizia accolta con apprensione non solo da chi a Max voleva bene, da chi amava Max, ma da un’intera comunità, una comunità di gente estesa da Oria all’Italia intera, fino a Bellinzago Novarese, dove “Pizzicone” era di stanza nel I Reggimento Cavalleria “Nizza” dell’Esercito Italiano.

Quel maledetto giorno, come tante altre volte quando era giù in licenza, Massimiliano aveva deciso di coltivare quella passione travolgente per la pesca subacquea che condivideva con il suo amico Emanuele De Stefano e con tanti altri sub provetti, ai quali dispensava consigli all’interno di un forum da lui aperto sul Web.

Località Mattarelle, secca della Livezza, al largo di Cerano, a Brindisi. Lì, Max ed Emanuele c’erano stati un sacco di altre volte e a casa erano tornati carichi di dentici e ricciole, trofei di pesca poi generosamente condivisi con parenti e amici, tra risate e leccate di baffi. Non così quel maledetto giorno, quando a un certo punto del pomeriggio Max non riaffiorava e non riaffiorava in superficie, con il suo amico che l’attendeva sul gommone per fare finalmente rientro a casa. Ore di apprensione e ricerche spasmodiche, con l’Adriatico che ci si è messo da sopra facendo i capricci, ingrossano la voce.

L’hanno trovato all’indomani, Max, avvolto nel filo del suo fucile, a circa dieci metri di profondità, i sommozzatori dei vigili del fuoco. Nessun errore da parte sua, esperto finanche di sicurezza in mare. Semplicemente – si fa presto a dirlo, ma semplice non è, non è stato, soprattutto da accettare – un malore, una sincope. Qualcosa che in acqua non ti dà scampo, specie se in quel momento ti trovi da solo, con l’ossigeno che manca e il cervello che si mette in stand-by.

Max, appena e già 12 mesi fa, se n’è andato così, all’improvviso. Senza dare l’ultimo buffetto ai suoi fratelli Andrea e Matteo, l’ultimo bacio alla sua ragazza Desirèe, le pacche sulle spalle ai commilitoni che, numerosissimi e commossi nonostante il rigido protocollo militare, quel torrido 3 luglio di un anno addietro hanno voluto tributargli ogni onore che si deve a un amico sincero e a un collega fidato.

Se n’è andato così, senza neppure abbracciare i suoi amati genitori Rosetta e Roberto, ai quali doveva molto del suo modo di essere e di essere benvoluto. Se n’è andato così, “Pizzicone”, lasciando un po’ in chiunque quel senso d’incompiuto e di sospensione di chi si attendeva da lui grandi cose. E, con la tenacia  e la forza che si ritrovava, avesse potuto, li avrebbe accontentati uno ad uno.

Da 12 mesi a questa parte ne sono restati l’ingombrante ricordo e la rumorosa assenza. Il ricordo e quel groppo in gola per un figlio, un fidanzato, un amico, un sub e un soldato vissuto appena 33 anni. Intensi, ma pochi. Stasera alle 19 a San Domenico una messa in suo ricordo, perché dimenticarlo non si può.

Che le onde continuino a esserti lievi, Max.

Il picchetto d'onore dei commilitoni di Massimiliano nel giorno dei suoi funerali
Il picchetto d’onore dei commilitoni di Massimiliano nel giorno dei suoi funerali
messaggio-amici-massimiliano-memmola
Uno dei manifesti fatti affiggere quel maledetto giorno dai suoi amici
Il memorial organizzato lo scorso anno da amici e colleghi
Il memorial organizzato lo scorso anno da amici e colleghi
consegna-tricolore-famiglia copia
Il colonnello Scanu consola il fratello Andrea e gli consegna il tricolore con cui era stato avvolto il feretro e gli effetti personali del soldato Massimiliano
Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter