Francavilla, i rifiuti bloccano il traffico: gli agenti della polizia locale li rimuovono

Al mio negozio new luglio 2015

 

 

rifiuti contrada fortuna francavilla

L’inciviltà della gente raggiunge talvolta dei picchi neanche immaginabili: la foto che pubblichiamo si commenta da sé, ma cos’è successo? Stamattina è successo che qualche idiota – come definirlo altrimenti? – si è liberato del suo carico di rifiuti, anche speciali, nel pieno centro della carreggiata. Siamo in contrada Fortuna, nei pressi dell’intermodale, lungo la strada secondaria che conduce a Grottaglie.

Dopo l’abbandono della spazzatura – forse ammassata inizialmente su un autocarro – un residente si è trovato nell’impossibilità materiale di proseguire la sua marcia in auto e, comprensibilmente adirato, ha contattato le forze dell’ordine. I carabinieri hanno girato la segnalazione alla polizia municipale, una cui pattuglia è giunta sul posto per controllare di cosa si trattasse.

Lo spettacolo che si è presentato agli agenti è quello immortalato in questa immagina inviataci da un lettore. Ma l’assurdo non si esaurisce certo nella profonda inciviltà dell’autore di questa sorta di discarica abusiva. A un certo punto sarebbe subentrato, infatti, un altro problema: a chi spettava rimuovere quell’ammasso di porcherie dall’asfalto? Non al gestore del servizio nettezza urbana, incompetenze per questo genere di evenienze. Non a un’altra ditta poiché, con le gare ancora in corso, non è stata ancora individuata. E allora?

Allora i poliziotti locali si sono dovuti calare nei panni degli operatori ecologici e farsi carico dell’incombenza: in divisa e sotto il sole cocente, si sono rimboccati le maniche e, a mani nude, hanno spostato i rifiuti sul ciglio della strada in attesa che, nei prossimi giorni, un’impresa specializzata li prelevi e conduca allo smaltimento.

Dall’inciviltà alla situazione kafkiana il passo è stato, insomma, breve. Un elogio, una volta tanto, agli agenti della polizia municipale, andati ben oltre i loro compiti istituzionali, ci sta tutto.

 

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter