La Grande Guerra secondo gli studenti della “Moro-Marone” di Francavilla: un successo

IMG_7729 [1600x1200]

Si sono spente le luci sul palcoscenico del Teatro Italia, ma è ancora forte l’eco dello straordinario successo riscosso dagli allievi della Scuola Secondaria di Primo Grado del I Istituto Comprensivo “A. Moro-P.V.Marone” di Francavilla Fontana, che il 4 e 5 novembre scorsi, in occasione del Centenario della Prima Guerra Mondiale, hanno portato in scena la rappresentazione teatrale “Alla ricerca dei nostri caduti … memorie di una Grande Guerra di popolo”.

Giunto a conclusione di un progetto di didattica laboratoriale avviato nell’anno scolastico 2014-2015 e destinato a cinquanta studenti provenienti dalle tre classi di tutti gli otto corsi, il lavoro narra, in una intensa trama di vicende, gli eventi bellici del ’15-‘18, partecipati e vissuti dalla nostra comunità francavillese, contemperando verità storica e immaginazione; un testo nuovo e quasi sperimentale per varietà di temi, stili e registri linguistici, che innesta la bellezza e la polisemia del lessico italiano sul tronco di quello dialettale.

Il recupero linguistico del dialetto parlato ai primi del Novecento dai protagonisti della Grande Guerra, ha perseguito l’ingrato compito di ricreare e fissare un mondo di valori, di tradizioni, di sentimenti, che rischia inesorabilmente l’oblio; raccontare i fatti nella lingua e con la lingua dei protagonisti rende forse più forte il significato della memoria.

Gli allievi, guidati dal prof. Giorgio Rosso, autore del testo, e coordinati dalle docenti Daniela Di Nunzio e Maria Antonietta Pontecorvo, hanno preso le sembianze e rivissuto le storie di quei tanti giovani, nostri compaesani, che lasciarono la vita sul campo di guerra perché potessimo chiamare Italia la terra che abitiamo; il tutto nella suggestione delle scenografie, realizzate dai professori Cosimo Mai, Giosuè Carucci e Maria Luisa D’Urso, nell’emozione delle musiche, composte dal professor Francesco Carrozzo e magistralmente eseguite dai professori Francesco Avellis, Anila Bodini, Michele D’Ammacco, Cosimo Spinelli e Luigi Arnesano, ed infine nella bellezza delle voci per coro e soliste, affidate alla virtuosa cura dei professori Clementina Mele e Diego Gira.

Resterà nella memoria di tutti la serata del 5 novembre, resa quasi solenne dal concerto di apertura della prestigiosa Fanfara dell’Aeronautica Militare di Bari e dalla partecipazione delle massime autorità militari e civili del territorio, tra cui il Prefetto di Brindisi, Dott. Prete, il Dirigente dell’Ufficio Scolastico Scolastico Regionale per la Puglia, Ambito Territoriale per la provincia di Brindisi, Dott. Vincenzo Melilli, il Sindaco prof. Maurizio Bruno e vari Dirigenti scolastici di Francavilla e provincia.

Partecipata da un pubblico attento e commosso, la rappresentazione è stata realizzata grazie al generoso contributo di diversi operatori economici e all’impegno dei genitori, del Generale in congedo Ottavio Melpignano , di tutti i docenti della Scuola Secondaria “P. V. Marone”, e al generoso sostegno dell’intero Collegio docenti del Primo Istituto Comprensivo.

Che dire? Il lungo applauso finale ha suggellato l’eccezionale prova di unità, passione, dedizione, professionalità, di un’intera comunità scolastica, sotto la guida sapiente del suo Dirigente, il dott. Roberto Cennoma; un’indimenticabile prova di bravura di tutti i giovanissimi attori, due serate memorabili, che resteranno – si può ben dire – negli annali della nostra Città.

Lo spettacolo, molto apprezzato dagli spettatori, anche qualificati, è stato poi reclamato dal sindaco di Latiano, Mino Maiorano, che ne ha fortemente voluto la riproposizione nel teatro Olmi della sua città.

IMG_7520 [1600x1200]

IMG_7541 [1600x1200]

IMG_7566 [1600x1200]

IMG_7611 [1600x1200]

locandina banner asco somministrazione

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter