Due ex sindaci e un dipendente condannati a risarcire il Comune di oltre 30mila euro

torre santa susanna municipio comune palazzo di città
La Corte dei Conti ha condannato al pagamento del danno erariale due ex sindaci (anni ’80) – D.M. e C.G. – e un ex dipendente comunale – P.S. – di Torre Santa Susanna, che hanno chiesto e ottenuto dall’attuale amministrazione, guidata da Michele Saccomanno, la rateazione del debito nei confronti dell’ente. I tre dovranno risarcire l’ente di oltre 30mila euro, comprensivi anche di spese legali e interessi, a seguito di atti connessi all’esercizio delle proprie funzioni. Una vecchia storia che è riaffiorata dal passato e per la quale la Procura generale presso la Corte dei Conti ha invitato il Comune a pretendere la riscossione delle somme di cui è creditore a seguito della sentenza numero 125/2015/A emessa dalla II sezione centrale di Appello. Considerata la significativa entità degli importi, l’amministrazione comunale ha accettato le richieste di pagare a rate da parte degli interessati. L’ex sindaco D.M. dovrà sborsare 12.849,82 euro dei quali 1.500 entro dicembre 2015, 500 mensili da gennaio a dicembre 2016 e poi una maxi-rata finale di 5.849,82 euro entro dicembre 2016. L’ex funzionario P.S. pagherà subito 4mila euro, altri 4mila entro giugno 2016 e il saldo di 4.849,82 entro dicembre 2016, per un totale di 12.849,82. Infine, l’ex sindaco G.C. verserà entro la fine di questo mese 2mila euro e 1641,64 ogni tre mesi a partire dal gennaio (pagamento a marzo) 2016.


locandina banner asco somministrazione

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter