Sindaco, assessore e dirigent fanno luce sul caso (o caos) Tari

Castello Imperiali
Castello Imperiali

Si riceve e pubblica:

Il dibattito sorto negli ultimi giorni attorno alla questione Tari a Francavilla Fontana sta rischiando di creare conseguenze serie e gravi a danno dei cittadini, instillando nei contribuenti il dubbio se vada pagato o meno il tributo il 16 dicembre prossimo, ed esponendo gli stessi al rischio di future sanzioni. Chiariamo quindi da subito a tutti i cittadini che la Tari va pagata il 16 dicembre, e va pagata nella misura stabilita dalle nuove tariffe.

Se queste dovessero essere giudicate illegittime dalla Giustizia Amministrativa (e solo un Tribunale può deciderlo) perché approvate dopo la scadenza del 30 luglio, allora ai cittadini sarà restituita la differenza versata in eccesso, eventualmente accreditandola sulla Tari del 2017. Chi invece, convinto che una delibera forse illegittima possa essere disattesa prima di un pronunciamento di un giudice, intenda pagare la sola tariffa del 2014, sia a conoscenza del fatto che rischia, in caso di conferma della legittimità delle nuove tariffe (che ribadiamo, sono tutt’ora valide), di pagare successivamente non solo la differenza, ma anche le inevitabili sanzioni.

Riguardo al presunto buco sui conti del Comune (paventato da molti, ma inesistente) chiariamo che la Tari, per legge (DPR 158/1999 e comma 654 della legge di stabilità 2014), non può mai essere finanziata da entrate diverse dalla Tari stessa, compresi costi di personale, accantonamento fondi credito di dubbia esigibilità e costi di invio degli avvisi bonari (vedasi pagina 18 delle linee guida approvate dal dipartimento delle Finanze per la redazione del piano finanziario e per l’elaborazione delle tariffe).

Quindi non saranno tolti soldi agli asili né saranno aumentate altre tasse. E questo perché, lo ribadiamo, la legge lo vieta. Se con l’eventuale cancellazione delle nuove tariffe dovesse quindi realmente crearsi un disavanzo nei conti, questa discrepanza sarà semplicemente ripianata nel 2016, recuperando i mancati introiti previsti sulla Tari del 2015 (DPR 158/1999: La tariffa di riferimento deve coprire tutti i costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti urbani …)

Maurizio Bruno

(Sindaco Francavilla Fontana)

Dott.ssa Maria Rizzo

(Assessore al bilancio)

Dott. Gabriele Falco

(Dirigente Area Finanziaria)

locandina banner asco somministrazione

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter