Dal Leccese alle campagne tra Francavilla e Oria per rubare tartufi: due arresti

Cane-da-tartufo

Sono stati sorpresi con le mani nella marmellata o, meglio, nei tartufi “bianchetti”. Due persone sono state arrestate dai carabinieri della stazione di Oria, coordinati dal luogotenente Roberto Borrello, proprio mentre erano intente a trafugare i pregiati tuberi all’interno di un terreno agricolo in contrada Laurito – tra Oria, Francavilla e Manduria – di proprietà di un’azienda con sede legale a Francavilla Fontana, la stessa che gestisce la nota struttura ricettiva. Si tratta del 56enne Giuseppe Lolli e del 30enne Stefano Donno, tutti e due di Corigliano d’Otranto, in provincia di Lecce. Quando sono arrivati i militari, con l’ausilio di sei cani, avevano già dissotterrato e messo da parte 600 grammi di prodotto coltivato del valore di circa 250 euro. Se non fosssero intervenuti gli uomini dell’Arma, contattati dal titolare del fondo, il bottino avrebbe potuto essere molto più cospicuo. La refurtiva è stata dunque recuperata e restituita ai legittimi proprietari. I due, accusati di furto aggravato, si trovano ora in regime di arresti domiciliari.

 

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter