L’ex sindaco della Corte di nuovo in aula per il processo “Striscia”: ascoltati i testi della difesa

striscia-la-notizia-francavilla

Dopo che nei mesi scorsi sono stati ascoltati i testi della pubblica accusa, nel corso dell’udienza di oggi sono stati escussi i primi 11 (su 19 totali) testi della difesa. Va avanti più o meno spedito e si potrebbe concludere tra un paio di “sedute” il processo che vede imputato per truffa ai danni del Servizio sanitario nazionale l’ex sindaco di Francavilla Fontana Vincenzo della Corte: secondo l’accusa, nell’ambulatorio di via Baracca, mentre il fratello Luciano (medico convenzionato Asl) era impegnato a fare il dentista, Vincenzo (primario di Anestesia e Rianimazione al Dario Camberlingo) in un’altra stanza avrebbe visitato i pazienti e firmato le ricette al suo posto.

La questione fu sollevata dalla celebre trasmissione di Canale 5 “Striscia la notizia” che mandò in onda un servizio realizzato sul posto dagli allora inviati pugliesi Fabio e Mingo. Da lì scaturì l’inchiesta del pm Valeria Farina Valaori, che sfociò nella primavera del 2013 nell’arresto dei due fratelli medici e costò a Vincenzo – oggi presente in aula, assistito dagli avvocati Antonio Andrisano e Francesca Conte – le dimissioni da primo cittadino.

In seguito, Luciano patteggiò un anno e due mesi (con pena sospesa), mentre il germano optò per il rito ordinario, convinto di poter dimostrare la propria innocenza. La prossima udienza è stata fissata per il prossimo 7 giugno: deporranno altri otto testi a discarico e sarà esaminato anche l’imputato.

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter