Non favorì la sua compagna, assolto l’ex comandante della polizia locale

GIUSTIZIA GENERICO TRIBUNALE SENTENZA

Francesco Taurisano
Francesco Taurisano

Non favorì la compagna e all’epoca collega. L’ex comandante della polizia locale di Francavilla Fontana, Francesco Taurisano, è stato assolto perché il fatto non sussiste. Innocente anche quella che, secondo l’accusa, sostenuta dal pubblico ministero Raffaele Casto, era stata la beneficiaria dei particolari riguardi del dirigente: Monica Guido. Tutti e due, assistiti dagli avvocati Roberto Palmisano e Massimo Murra, si sono dovuti difendere dall’accusa di abuso d’ufficio in concorso.

Oggetto di attenzione da parte della Procura, che si è avvalsa nelle indagini della collaborazione dei carabinieri in forza alla compagnia della Città degli Imperiali, gli straordinari accordati fino al 2013 da Taurisano a Guido e il fatto che il primo non avesse disposto visita fiscale quando la seconda era assente dal lavoro per malattia.

L’inchiesta partì da una segnalazione anonima, piuttosto dettagliata, giunta proprio agli uomini dell’Arma. A processo, i due sono però riusciti a dimostrare la legittimità delle rispettive condotte. In particolare, Taurisano ha riferito di aver sempre assegnato ai suoi sottoposti mansioni superiori o inferiori fondandosi sulle capacità di ciascuno, quindi sul merito, e secondo quelle che erano, di volta in volta, le necessità di servizio. Da parte sua, insomma, nessun favoritismo.

E ieri i giudici del Tribunale di Brindisi gli hanno dato credito, così come hanno dato credito alle tesi esposte da Guido. Ciò, nonostante il procuratore aggiunto Nicolangelo Ghizzardi avesse chiesto per entrambi una condanna a un anno e otto mesi. Nessun risarcimento, quindi, è stato accordato al Comune di Francavilla Fontana, che si era costituito parte civile per decisione dell’amministrazione guidata dal sindaco Maurizio Bruno.

La stessa sotto la quale Taurisano era stato trasferito ad altri incarichi per conto dell’ente, giustificati da ragioni di opportunità. Ragioni, queste ultime, che riguardavano anche questo processo, oltre agli altri che Taurisano tuttora sta affrontando.

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter