Ragazzo disabile umiliato da due sue coetanee: «Spogliati se rivuoi il tuo cellulare»

bullismo-1-680x320

Lo chiamano bullismo, si traduce in un’umiliazione del prossimo ed è ancora più grave quando è compiuto in danno di persone indifese. Due ragazzine di circa 12 anni ieri sera hanno sottratto il cellulare a un loro coetaneo diversamente abile per poi fare chiamate oscene, a nome suo, anche ad alcuni suoi parenti i cui numeri erano memorizzati in rubrica. La vittima è stata per fortuna soccorsa da una cugina che per puro caso si trovava a passa di lì, in pieno centro, a Oria. La ragazza è riuscita a strappare lo smartphone dalle mani di una delle due e l’ha riconsegnato a suo cugino, che – impossibilitato a difendersi da sé – aveva nel frattempo indossato la maschera dell’umiliazione (ovviamente si tratta di un modo di dire). Quando il ragazzo è rientrato a casa, comprensibilmente deluso, ha raccontato tutto a mamma e papà, che hanno denunciato l’accaduto. Sembra che tra le altre cose, le due presunte bulle gli avessero chiesto di spogliarsi prima di ridargli ciò che gli avevano sottratto.

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter