Strumenti di partecipazione popolare, Tatarano sollecita l’adozione dei regolamenti attuativi

Foto: Enrico La Sorsa
Foto: Enrico La Sorsa

sergio tatarano1 ok
Sergio Tatarano

Il presidente della Cellula Coscioni di Francavilla Fontana, Sergio Tatarano, ha inviato una nota al presidente del Consiglio comunale, Maria Passaro, e al presidente della Commissione speciale Statuto, Antonio Andrisano, per sollecitare discussione, pubblicizzazione e approvazione dei regolamenti attuativi degli strumenti di partecipazione democratica previsti nel nuovo atto fondamentale del Comune. Qui di seguito il testo inviato a Passaro e Andrisano:

“Gentilissimi,

mi rivolgo a Voi per sollecitare ancora una volta un impegno alla realizzazione di una delle più importanti riforme per la democratizzazione del nostro Comune ma anche e soprattutto per il rispetto della legalità, violata senza soluzione di continuità a partire dall’entrata in vigore del TUEL del 2000 che sanciva e sancisce all’art. 8 che “Nello statuto devono essere previste forme di consultazione della popolazione nonché procedure per l’ammissione di istanze, petizioni e proposte di cittadini singoli o associati dirette a promuovere interventi per la migliore tutela di interessi collettivi e devono essere, altresì, determinate le garanzie per il loro tempestivo esame. Possono essere, altresì, previsti referendum anche su richiesta di un adeguato numero di cittadini”. Se infatti, come più volte ho tentato di segnalare, il nostro Comune ha formalmente adempiuto a quegli obblighi inserendo nello statuto (sia in quello del 2000 sia in quello aggiornato) varie forme di democrazia diretta, d’altro canto esso è rimasto e rimane inadempiente nell’adozione dei relativi regolamenti propedeutici all’effettivo funzionamento di referendum, petizioni e proposte di delibera. In sostanza: non basta prevedere strumenti di democrazia diretta nello Statuto se non si approvano i relativi regolamenti, in mancanza dei quali, quegli strumenti non possono essere attivati.

Maria Passaro
Maria Passaro

In questa consiliatura si è intrapreso finalmente il lavoro di studio dei regolamenti, che su formale incarico della Presidenza della Commissione ho personalmente provveduto a predisporre già in estate e che dovrebbero rappresentare la base di partenza per la discussione, ma l’approvazione di quei regolamenti continua a restare sconosciuta senza peraltro neppure che si siano gettate le basi per un dibattito pubblico serio sull’argomento. Il rischio, anche di fronte alla tenuta dell’attuale maggioranza, è che il lavoro iniziato venga abbandonato, continuando a violare la legge e lo Statuto e con tutti gli intuitivi danni al buon funzionamento del nostro Comune: le grandi democrazie come la Svizzera ci insegnano che laddove funzionano gli strumenti di partecipazione, i cittadini sono più consapevoli e la politica è più efficiente. E’, in sostanza, un circolo virtuoso.

Antonio Andrisano
Antonio Andrisano

Per queste ragioni chiedo, tanto al Presidente della Commissione Speciale quanto al Presidente del Consiglio (in virtù dei poteri allo stesso conferiti dall’art. 23 dello Statuto) di adoperarsi, ciascuno secondo le proprie funzioni e competenze, per far conoscere alla cittadinanza il senso stesso dell’approvazione dei regolamenti e comunque per giungere nel più breve tempo (ma anche nel modo più consapevole) possibile alla definitiva approvazione dei regolamenti attuativi che regalerebbero ai francavillesi degli strumenti di grande crescita collettiva ma soprattutto consentirebbero al nostro Comune di allinearsi a degli obblighi di legge ininterrottamente violati in quasi venti anni dall’approvazione di quel rivoluzionario -sulla carta- TUEL.

Cordialmente.

Sergio Tatarano – Presidente cellula Luca Coscioni

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter