Protezione civile, eletto il nuovo consiglio direttivo provinciale

protezione civile antincendio boschivo

Si è svolta ieri pomeriggio a Montalbano di Fasano, presso la sala riunioni della Delegazione municipale, l’assemblea del Coordinamento provinciale del volontariato di Protezione civile di Brindisi per il rinnovo degli organismi dirigenti.

il francavillese Fernando Pantaleo
il francavillese Fernando Pantaleo

Questo il nuovo consiglio direttivo eletto ieri e che resterà in carica per il prossimo triennio: Giannicola D’Amico (presidente), Biagio Nobile (vicepresidente e referente per le radiocomunicazioni), Samanta Carrozzo (vicepresidente e referente per sanità e formazione), Rosanna Adriano (segretario e tesoriere), Tommaso Maggio (referente operativo), Fernando Pantaleo (consigliere e referente per attività anti-incendio, idrogeologico e logistica) ed Eva Coluccello (consigliere e referente per attività informativa e addestrativa).

Il nuovo collegio dei probiviri, invece, è composto da Martino D’Errico (presidente), Francesco Leo e Carmelo Milazzo (componenti). Del nuovo collegio dei revisori dei conti fanno, invece, parte: Daniele Giangrande (presidente), Pietro Bianco e Luigi Dellomonaco.

Il “Coordinamento delle Associazioni di Volontariato e dei Gruppi Comunali di Protezione Civile della Provincia di Brindisi” è un organismo costituito dalla Regione Puglia con delibera di giunta regionale del 20 aprile 2010. La Regione Puglia nell’ottica di rendere sempre più efficace ed efficiente l’organizzazione e l’operatività delle associazioni di volontariato di Protezione civile – che così come sancito dalla legge sono “strutture” del sistema di Protezione Civile equiparate alle componenti istituzionali – ha ritenuto fondamentale la costituzione di raggruppamenti operativi di carattere provinciale che, operando in stretta collaborazione con le Amministrazioni comunali, provinciali e con la Regione, organizzino le attività del volontariato sia in caso di emergenze di tipo locale, provinciale, regionale e nazionale, che in regime ordinario.

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter