Playoff, termina l’avventura del Basket Francavilla: «Dovevamo salvarci, invece abbiamo sognato»

IMG_20170403_141605_161

Sì, c’è l’amarezza del risveglio, inutile negarlo, ma quando apri gli occhi dopo un bel sogno sei comunque felice e ripensi spesso durante il giorno a quanto sia stato bello.

A maggior ragione se quella felicità è stata condivisa insieme a tanta gente, in un grande letto con le coperte biancazzurre.

Perdiamo, ma usciamo tra gli applausi degli immensi nostri sostenitori presenti al PalaScaloria, ma anche dello sportivo pubblico di Manfredonia, che ha apprezzato, come noi, lo spettacolo offerto da entrambe le compagini in questa bellissima serie.

La quale si è decisa solo negli ultimi minuti di gara 3 e ha premiato la squadra con il fattore campo favorevole, guadagnato durante la stagione.

La partita è stata intensissima e, come le altre, piena di break e controbreak.

Entrano meglio in partita i locali con un parziale di 9-3 firmato dall’Highlander Nicola Padalino, inteso come i guerrieri immortali e non come le patatine.

La reazione Villa è veemente e tiene a secco di punti per 6 minuti i padroni di casa.
Trascinati da capitan Menzione e da un paio di recuperi di Eletto, i biancazzurri chiuderanno avanti 13-15 il primo quarto con un canestro di Calò allo scadere.

Primo tentativo serio di allungo degli Angel nel secondo quarto con un parziale di 13-4 e i ragazzi di coach Di Pasquale che non riescono più a fare canestro.
A 2′ dalla sirena è 26-19.

Ci pensa Roberto Di Punzio a mettere la tripla che infiamma gli ospiti ma subito dopo è sfortunatissimo nello scontrarsi con il blocco avversario e dovrà uscire in barella tra gli applausi di tutti i presenti.

Menzione e Iaia in collaborazione con Mazzarese Michele accorciano in 5 secondi e si va al riposo lungo sul 28-27. Punteggio da battaglia, punteggio da partita dura giocata con una palla a spicchi di ferro.

Al rientro sul parquet il Francavilla completa il parziale da 11a0 portandosi sul 28 – 33.
Qui c’è la grande occasione di scappare via, ma alcuni errori in contropiede e al tiro, rendono vana la difesa forte che stava annullando i locali.
Così, Vuovolo, Gramazio e Nicola Padalino trascinano lentamente il Manfredonia al +5 di fine terzo quarto sul 43 – 38.

Nell’ultima frazione arriva finalmente la tripla di Calò per il 45-41 e il riavvicinamento é firmato Mazzarese Danilo sul 49-47 a 6′ dal termine. Ma nelle azioni successive arriva proprio il suo 5° fallo e stessa sorte subito dopo toccherà anche a Iaia.

Il Villa risente del colpo e sale in cattedra l’MVP della serie, Gramazio, che mette la bomba spezzagambe, dopo 4 rimbalzi consecutivi. 54-47.

I biancazzurri non mollano mai e seppur agonizzanti mantengono viva la partita fino al 56-49 a 2’30” dal termine, prima che Antonio Padalino stacchi la spina definitivamente dai 6,75.
Sul 59-49 l’elettrocardiogramma è piatto, il grande cuore del VILLA ha lottato fino alla fine e ha pompato sangue alla grande quest’anno.

Le squadre rinunciano ad attaccare e si concedono gli abbracci di chi sa di essersi dato battaglia per 120 intensissimi minuti senza mai mancarsi di rispetto.

Complimenti a Manfredonia e ai suoi vittoriosi ragazzi con i calzini di Spiderman.
I nostri baby giocatori e il loro capitano raccolgono un applauso che vale per una stagione insperata e al di sopra di ogni aspettativa, resa possibile grazie anche alla ritrovata passione ed il supporto di chi ci ha seguiti sempre e anche di chi ha cominciato a conoscere e ad amare i nostri colori.

Ehi, che ne pensate, se tornassimo a sognare insieme, il prossimo anno ?

ANGEL MANFREDONIA – BASKET FRANCAVILLA 65 -51
( 13-15, 15-12, 15-11, 22-13 )

Manfredonia: Rubbera, Chiappinelli 7, Vuovolo 12, Gramazio 11, Padalino A. 9, Padalino N. 17, Prencipe, Castigliego, Totaro 9.
Coach Ciociola

Francavilla: Di Punzio 3, Montanaro, Menzione 22, Pagliara, Bagordo, Mazzarese M. 6, Calò 7, Iaia 7, Eletto 3, Mazzarese D. 3.
Coach Di Pasquale

Ufficio Stampa
Basket Francavilla 1963

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter