Uomo caduto nel pozzo-cisterna, l’autopsia non ha ancora chiarito le cause del decesso

pozzo cisterna ussai erchie santa lucia

L’autopsia sul corpo del 51enne Salvatore Ussai, effettuata ieri (giovedì 25 maggio) dal medico legale Antonio Carusi nella camera mortuaria del cimitero di Brindisi, non ha fornito – per il momento – chiare indicazioni sulle cause del decesso, ma all’origine potrebbe esserci stato un malore. Di più se ne potrà sapere quando, tra un paio di settimane, giungeranno i risultati degli esami sui campioni istologici prelevati dalla salma (sulla quale non sono stati riscontrati particolari traumi o lesioni).

L’uomo, originario della provincia di Taranto, intorno alle 14 di venerdì 19 maggio, era caduto in un pozzo-cisterna della Residenza sociosanitaria assistenziale “Santa Lucia” in via Roma, a Erchie, e aveva perso la vita. La dinamica resta ancora incerta, ma secondo le prime ricostruzioni pare che Ussai – da pochi giorni ospite della Rssa – si trovasse proprio in prossimità dell’imboccatura del pozzo-cisterna forse per prestare aiuto a qualcuno quando all’improvviso si sarebbe accasciato per poi cadere su di una lastra in plexiglas posta a copertura del manufatto (tuttora sotto sequestro). La lastra a quel punto ha ceduto e il 51enne è precipitato sul fondo – tre metri circa di profondità – dove c’era mezzo metro d’acqua. Inutile ogni tentativo di soccorrerlo sia da parte del personale della struttura, sia da parte dei vigili del fuoco e dei sanitari del 118.

Intanto, il pubblico ministero Antonio Costantini, della Procura di Brindisi, ha iscritto nel registro degli indagati tre persone: l’amministratore della casa di cura, di Torre Santa Susanna, e di due dipendenti, uno di Torre Santa Susanna e l’altro di Erchie. L’ipotesi di reato formulata a loro carico è di omicidio colposo. Sul caso continuano a indagare i carabinieri della stazione di Erchie coadiuvati dai colleghi della compagnia di Francavilla Fontana e del Nucleo ispettorato del lavoro di Brindisi e coordinati dal magistrato inquirente.

 


Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter