Al via da lunedì i parcheggi a pagamento, polemiche: «Solo 5 ausiliari e a tempo determinato»

ausiliari del traffico parcheggi francavilla

Mimmo Bungaro
Mimmo Bungaro

Salvo imprevisti, come peraltro annunciato nei giorni scorsi dal sindaco Maurizio Bruno, da lunedì 12 giugno sarà obbligatorio pagare per parcheggiare nelle principali vie del centro di Francavilla Fontana. I parcometri sono già in funzione da un paio di settimane, ma dall’inizio della prossima terminerà il periodo di tolleranza ed entreranno ufficialmente in servizio gli ausiliari del traffico. Non tutti e dieci quelli salvaguardati socialmente dall’Amministrazione, però. Solo cinque e, per giunta, con un contratto a tempo determinato. Gli altri potrebbero, invece, essere assunti strada facendo. Lo denuncia il capogruppo di Forza Italia in Consiglio comunale, Mimmo Bungaro, il quale teme che da questa situazione possa sorgere una nuova grana per Bruno & Co.: «Se la clausola di salvaguardia riguardava dieci lavoratori – si chiede Bungaro – perché mai, almeno in questa fase iniziale, il servizio sarà effettuato soltanto da cinque unità? E ancora: se in precedenza gli ausiliari godevano di un contratto a tempo indeterminato ed erano quindi maggiormente tutelati, perché stavolta sono stati loro somministrati dei semplici contratti a tempo determinato? Credo che dopo le questioni Zona Pip e Tari – prosegue – questa potrebbe essere per il sindaco e la sua maggioranza un’ennesima patata bollente perché, almeno stando alle informazioni in mio possesso, la situazione del personale addetto alla sosta a pagamento sembra destinata addirittura a peggiorare rispetto al recente passato di cui tutti abbiamo un ricordo non proprio esaltante. Mi auguro che, a differenza che per le altre questioni, in questo caso l’Amministrazione non lasci che le cose seguano il loro corso e intervenga subito per rendere effettive le garanzie dei lavoratori, altrimenti potrebbe esplodere un altro bubbone deleterio sia per la guida politico-amministrativa della città sia, soprattutto, per l’intera comunità».

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter