Dopo la tragedia: «Bande rumorose e nuovi limiti di velocità per l’incrocio “della morte”»

incidente oria torre mesagne cellino

Nei giorni scorsi, a seguito dell’ennesimo tragico incidente, il sindaco di Erchie Giuseppe Margheriti era intervenuto per invocare interventi urgentissimi di messa in sicurezza dell’incrocio cosiddetto “della morte” tra le provinciali 69 (Torre Santa Susanna – Mesagne) e 51-bis (Oria – Cellino San Marco). Oggi, il primo cittadino ercolano interviene nuovamente per annunciare che la Provincia di Brindisi si è finalmente attivata in attesa che in futuro, proprio in quel tratto, sia realizzato un rondò.

Chiara Saracino con Giuseppe Margheriti
Chiara Saracino con Giuseppe Margheriti

«Prendo atto – dichiara Margheriti – che la Provincia di Brindisi, con ordinanza n 9 dello scorso 14 giugno, a firma dell’ingegnere Vito Ingletti, ha disposto l’installazione di bande di rallentamento a effetto vibratorio e la limitazione dei vincoli di velocità sull’incrocio tra la provinciale 69 Mesagne –Torre S. Susanna e la provinciale 51 Oria- Cellino. Nell’apprezzare l’intervento amministrativo adottato dal dirigente anche “(…) sulla scorta delle indicazioni impartite dall’Amministrazione provinciale”, confido nell’impegno che l’Avv. Cesare Epifani, consigliere con delega ai Lavori Pubblici, e la Dott.ssa Chiara Saracino, consigliere con delega al Bilancio,  vorranno mantenere vigilando sulla immediata realizzazione delle opere. La sinergia e il perseguimento di obiettivi comuni portano sempre a grandi risultati e sono certo che la sicurezza pubblica e urbana siano obiettivi a cui pubbliche amministrazioni, forze dell’ordine e cittadini debbano puntare. Insieme. Ringrazio il presidente Bruno e l’Amministrazione provinciale tutta per aver dimostrato di prestare attenzione alle istanze dei Comuni. Anche se piccoli. Io aspetto pronto a intervenire, se necessario”.

 

 

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter