Lite stradale degenera e tra i contendenti spunta un cric: donna incassa un paio di ceffoni, poi si difende

lite strada cric incidente

Una semplice lite stradale, poi un paio di ceffoni, infine ecco un cric e i carabinieri.

È successo mercoledì mattina a Oria, nello spiazzo tra via Dragonetti Bonifacio e via Fratelli Bandiera, non lontano dal plesso scolastico “Camillo Monaco”. L’alterco è avvenuto tra uomo sulla cinquantina e una donna di circa 60 anni.

Stando ad alcune testimonianze, quest’ultima era al volante e, da via Fratelli Bandiera, si sarebbe immessa in via Dragonetti Bonifacio (direzione via Francavilla) quando, però, la sua auto avrebbe forse subito un guasto per poi fermarsi nel bel mezzo della strada e bloccare gli altri veicoli in transito.

La conducente sarebbe allora stata invitata da un uomo a piedi a liberare la carreggiata, ma non avrebbe preso benissimo quest’invito, tanto da aver risposto in modo brusco e perentorio al suo interlocutore.

Questi, a quel punto, avrebbe deciso di dare una lezione a quell’altra e, una volta raggiuntala, le avrebbe mollato un paio di sberle sul volto.

Per nulla intimorita, la signora alla guida sarebbe scesa dal mezzo e avrebbe estratto dal portabagagli il cric per vendicarsi del suo aggressore, poi convinto ad allontanarsi dagli altri presenti.

Nei dintorni si sono creati un piccolo ingorgo e un capannello di gente, originati da una banale discussione che – a quanto si apprende – potrebbe in futuro avere un seguito nelle aule di giustizia.

Sembra, infatti, che l’automobilista – colpita sul viso e nell’orgoglio – abbia deciso di denunciare l’autore del rimprovero e degli schiaffi.

Saranno comunque le eventuali indagini del caso a stabilire cosa sia realmente accaduto e a chi siano da attribuire le colpe.

 

 

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter