Ferì a morte il vicino di casa con nove coltellate, 31enne condannato e condotto in carcere

Inferse nove coltellate sul petto di un suo vicino di casa e lo uccise. Il 31enne Salvatore Drammis, residente a San Mauro Marchesato (Crotone) dovrà scontare 14 anni di reclusione e nei suoi confronti i carabinieri della Stazione di Latiano, località in cui l’uomo si trova domiciliato, hanno eseguito un ordine di carcerazione emesso dall’Ufficio esecuzioni penali del Tribunale di Catanzaro. I fatti risalgono al mese di maggio 2014, quando il 31enne – al culmine di un litigio scaturito da futili motivi – impugnò l’arma da taglio e ferì a morte un 44enne. Quando sul posto giunsero le forze dell’ordine, trovarono quest’ultimo per terra in una pozza di sangue e Drammis con ancora il coltello insanguinato e gli indumenti sporchi di sangue. Si scoprì che a originare i frequenti alterchi tra l’assassino e la vittima, sua vicina di pianerottolo nella stessa palazzina, erano sfociati anche in querele ed erano dipesi da questioni quali il volume della televisione troppo alto e gli schiamazzi dei bambini. Quel giorno di maggio, l’ultima cruenta lite e poi l’omicidio efferato. Dopo le formalità in caserma, Drammis è stato condotto nel carcere di Brindisi.

 

 

 

 

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter