Minaccia medico e infermiera del pronto soccorso, denunciato paziente giunto in codice verde



Ha insultato e minacciato un medico e un’infermiera del pronto soccorso, perché, a suo dire, non stavano trattando a dovere il suo caso. I carabinieri della Stazione di Francavilla Fontana hanno denunciato a piede libero, per minacce aggravate, un 34enne residente a Oria. L’uomo era giunto al “Dario Camberlingo” in codice verde (lesioni di lievissima entità) a seguito di un incidente stradale. Giunto nel presidio ospedaliero, il ferito era stato collocato nel corridoio su di una barella con tavola spinale prima di essere preso in carico. Durante l’attesa, però, si è alzato per andare in bagno. Un’infermiera gli ha fatto notare che non avrebbe dovuto alzarsi, giacché la tavola spinale gli imponeva di restare immobile sulla barella. Un medico, a quel punto, ha disposto di rimuovere la tavola spinale, ma il paziente ha preso prima a rivolgergli frasi ingiuriose, poi si è tolto il collare cervicale e l’ha scagliato contro il dottore (colpito alla testa). Successivamente, gli si è avvicinato e ha cercato di afferrarlo come a volerlo colpire. Nel frattempo è giunto un altro medico del 118 che è riuscito a distanziare i due. Qualche minuto più tardi, l’uomo si trovava su di una sedia a rotelle nel corridoio dell’ospedale e, quando un’infermiera l’ha invitato a spostarsi un po’ per non intralciare il passaggio, ha minacciato di spezzare con un pugno il collo dei sanitari, troppo lenti nel gestire il suo caso. Al fine di scongiurare nuove minacce e situazioni tese, il 34enne è stato fatto visitare da un ulteriore medico, il quale gli ha diagnosticato “traumi da caduta agli arti inferiori con 5 giorni di prognosi”. Il codice verde, insomma, era giusto.

 

 

 

 

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter