Caporalato, a Oria iniziativa per ricordare tutte le vittime del lavoro a 25 anni da un’immane tragedia

Sono trascorsi 25 anni da quel 25 agosto 1993, quando Oria fu colpita da un’immane tragedia: in un incidente stradale persero la vita Maria Marsella (25 anni), Antonia Carbone (29 anni) e Maria Dell’Aquila (51 anni), tutte braccianti agricole. Sabato prossimo, 25 agosto 2018, il Partito democratico di Oria ricorderà il loro sacrificio e quello di tutti gli altri morti di lavoro come i 16 extracomunitari che hanno perso la vita in provincia di Foggia agli inizi dello scorso luglio e come Lucia (17 anni), Donata (23 anni) e Pompea (16 anni) decedute il 20 maggio 1080 lungo la Brindisi-Taranto dopo una faticosa giornata trascorsa in campagna o, ancora, come la tarantina Annamaria Torno (deceduta nel 1996). Saranno ricordate anche le altre vittime del lavoro: Anna De Gaetani, Mimmo Vitale, Donato Carbone, Tommaso Micelli, Damiano Spina, Claudio Marsella, Francesco De Milito, Andrea D’Alessano, Armando Penta , Sergio Arpa, Vito Diviggiano, Oronzo Pentassuglia, Antonio Carbone.Queste le parole pronunciate qualche giorno prima della sua morte da Maria Marsella, la più giovane delle braccianti decedute quel 25 agosto 1993: «La politica non m’interessa, chi non lavora non mangia e chi non ha bisogno di lavorare s’interessa di politica; quelli che stanno bene si dimenticano presto di noi». Quel 25 agosto, invece, pare che uno dei suoi ultimi pensieri, prima dello scontro, fosse stato questo: «Speriamo che oggi il sole non sia troppo caldo». Gli anni sono trascorsi, ma le condizioni disumane sono rimaste.«Se alcune Istituzioni dimenticano – fanno sapere dal Pd e in particolare Leonzio Patisso e Lorenza Conte, che in quegli anni furono protagonisti d’importanti battaglia contro lo sfruttamento bracciantile – noi non dimentichiamo e non dimenticheremo mai».Ed ecco, dunque, che dopodomani, alle 20,30, in prossimità del Monumento alle Vittime del Caporalato (tra via Latiano e viale Regina Margherita) si terrà l’iniziativa per ricordare ogni singola persona scomparsa prematuramente mentre provava a guadagnarsi da vivere. Interverranno: don Francesco Sternativo (parroco di San Francesco di Paola in San Barsanofio e assistente spirituale del Movimento lavoratori Azione cattolica della Diocesi di Oria); Renato Vernile (segretario del circolo Pd di Oria); Lorenza Conte (già bracciante agricola, presidente del Consiglio comunale di Oria e consigliera comunale delegata alle iniziative contro il caporalato). All’iniziativa sono stati invitati il sindaco di Oria Maria Lucia Carone, gli altri amministratori che intendessero partecipare e, ovviamente, l’intera cittadinanza.

   

 

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter