Telecamere di sorveglianza per scorgere in anticipo l’arrivo dei carabinieri: denunciati


Sul balcone del loro appartamento al secondo piano, avevano installato delle telecamere di sorveglianza non tanto per ragioni di sicurezza, ma più che altro di contro o, meglio, per controllare l’eventuale arrivo delle forze dell’ordine. I carabinieri della Stazione di San Donaci, nel corso di un servizio antidroga, hanno denunciato a piede libero un 31enne e un 21enne sandonacesi, anche segnalati alla Prefettura quali assuntori di stupefacenti in quanto trovati in possesso di due grammi di hashish e di un grammo di marijuana. L’impianto a circuito chiuso era composto da microcamere nascoste e direzionate verso il basso per monitorare il tratto di strada sotto il palazzo in cui risiedono. Ciò, principalmente se non esclusivamente, secondo gli investigatori, per verificare che non arrivassero all’improvviso proprio gli uomini dell’Arma. 

 

 

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter