Monumento “imbracato”, Prete (Idea): «Un errore in buona fede non imputabile all’Amministrazione»

L’avvocato Angelo Prete, neosegretario di Idea per Francavilla

Nella serata di ieri, si è tenuto nella suggestiva cornice di Piazza Monumento un défilé di moda con ospiti di caratura nazionale, organizzato da una importante maison con sede a Francavilla.L’iniziativa, che ha ricevuto il plauso di tutti i partecipanti giunti da ogni parte della regione, ha costituito, proprio per questo, anche motivo di attrazione turistica e di valorizzazione del territorio.

Purtroppo gli organizzatori hanno avuto l’idea, certamente poco felice, di “imbracare” il palco al monumento ai caduti, molto probabilmente sottovalutando in perfetta buona fede l’importante significato simbolico di quel presidio di storia e di cultura.

Un’idea certamente poco felice, dicevamo, ma sulla quale ci saremmo aspettati almeno in questo caso dai soliti esponenti della opposizione una maggiore sobrietà, proprio in considerazione della sacralità del luogo coinvolto dall’incidente organizzativo.

E invece, anche questa occasione si è rivelata oggetto delle solite scomposte polemiche da parte degli oramai altrettanto soliti noti, i quali hanno ritenuto di chiamare in causa l’amministrazione in maniera palesemente gratuita e strumentale, con ciò facendo emergere il reale intento di tali esternazioni, ovvero dare sfogo alle proprie frustrazioni politiche.

Del resto, secondo alcuni, se un manipolo di delinquenti si introduce nel cimitero profanando decine di tombe, l’attenzione dovrebbe essere principalmente rivolta non già alla criminalità del gesto e alle possibili inquietanti ragioni sottese, ma alla “irresponsabilità” (?) della amministrazione per la revoca di un project financing presentato da un privato.

Se gran parte del meridione d’Italia viene colpito da fenomeni atmosferici di intensità senza precedenti nella storia degli ultimi anni, la colpa è dell’Amministrazione Denuzzo che in tre mesi non avrebbe risolto il problema trentennale del deflusso delle acque meteoriche nel territorio di Francavilla Fontana.

La scarsa serietà di tali argomenti ci sembra autoevidente.

Il modus operandi di tali personaggi, perennemente appostati in attesa di un qualunque avvenimento da imputare aprioristicamente all’amministrazione, è altrettanto chiaro.

Per giunta, si tratta di un modo di fare e di intendere le relazioni politiche che, come detto in altre occasioni, è stato già bocciato da un corpo elettorale molto più avveduto e attento di quanto i suddetti esponenti politici credessero (o sperassero), e che nelle ultime settimane sta anche segnando importanti fuoriuscite dalle stesse forze di opposizione.
Un modo di fare, dunque, non solo politicamente irresponsabile, ma anche autolesionista.

Continuassero così.

Avv. Angelo Prete, segretario Idea per Francavilla

 

 

 

 

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter