Danni in agricoltura, Cavallo (Pd): «Il sindaco chieda subito lo stato di calamità»

Nicola Cavallo

Di seguito una dichiarazione di Nicola Cavallo, capogruppo del Partito democratico nel Consiglio comunale di Francavilla Fontana:

Il settore dell’Agricoltura è stato gravemente ferito dalla calamità atmosferica abbattutasi anche su Francavilla Fontana domenica scorsa; e così moltissimi produttori hanno visto in poche ore danneggiati alberi di ulivo, devastati i possibili raccolti destinati alla produzione olivicola anche quella a carattere familiare, allagati i campi con  conseguente distruzione di ogni coltura già avviata a maturazione, distrutti i pergolati, addirittura franati muri a secco.

Opportunamente le Associazioni professionali si sono già mosse per chiedere alla Regione Puglia la dichiarazione di calamità per ragioni atmosferiche ma è necessario che anche la politica insieme con le istituzioni locali, il Comune in primis, assumano iniziative immediate per favorire l’iter dell’accertamento dei danni e, soprattutto, per orientare la macchina burocratica sia regionale che locale affinché scongiurino ritardi ma anzi accelerino ogni possibile misura di ristoro per gli agricoltori danneggiati.

Nel mio ruolo di Capogruppo e Consigliere Comunale sono stato sollecitato da decine di produttori agricoli da fin dalle primissime ore di domenica, stanti le previsioni Meteo che non facevano presagire nulla di buono, a rendermi parte attiva anche attraverso il Partito Democratico, nei confronti del Sindaco Denuzzo e degli uffici comunali, perché siano bruciate le tappe in ordine alla dichiarazione di calamità atmosferica, al fine di prevenire i ritardi cronici che anche nel recente passato hanno ritardato colpevolmente i tempi di risarcimento dei danni, così penalizzando doppiamente questo Settore portante dell’economia cittadina.

In tal senso ho già provveduto a formalizzare, insieme con il Partito Democratico, la nostra richiesta al Sindaco, auspicandone l’impegno consequenziale.

Nicola Cavallo

 

 

 

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter