Suolo pubblico, l’imprenditore: «Sarebbe opportuno consentire una fruizione per tutto l’anno»

Nonostante il meteo consenta ancora di trascorrere del tempo all’aperto, magari per sorseggiare qualcosa al bar, gli esercizi pubblici di Francavilla Fontana non possono più occupare lo spazio comunale all’esterno dei propri locali.

Lo segnala e denuncia l’imprenditore, ed ex consigliere comunale e provinciale, Giuseppe Cavallo, il quale spiega: «Diversi pubblici esercenti mi hanno riferito di una situazione di disagio che stanno vivendo in questo periodo: qualcuno di loro è stato sanzionato dalla polizia locale in quanto ancora occupa quello stesso spazio esterno al suo locale, poiché le giornate ancora permettono di stare fuori. Si badi bene: non si tratta di gente che non è disposta a pagare per l’occupazione del suolo pubblico a fini privati, si tratta di gente che semplicemente non può farlo perché da un certo momento in poi, dopo ottobre, non è proprio prevista dal regolamento la possibilità di continuare a offrire quel tipo di servizio».

Giuseppe Cavallo

«Credo si sia in presenza di una situazione paradossale – prosegue Cavallo – che andrebbe risolta dall’attuale Amministrazione comunale: perché, come avviene in altre realtà, non si consente ai pubblici esercenti di pagare il suolo pubblico per l’intero arco dell’anno, magari in misura inferiore per i mesi invernali? Credo sarebbe una scelta di buonsenso e che, tra l’altro, porterebbe anche qualche soldino in più nelle casse comunali, oltre che indirettamente, grazie a clienti maggiormente soddisfatti, in quelle di titolari e gestori dei locali. Insomma, rappresenterebbe una misura che, per quanto piccola e semplice da realizzare, potrebbe giovare all’economia pubblica e a quella privata. Mi auguro che il sindaco Antonello Denuzzo e la sua Amministrazione prendano in considerazione questa proposta e mettano mano a un regolamento, secondo me, migliorabile».

 

 

 

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter