Deposito di vini non autorizzato, attività sospesa dopo l’ispezione del Nas


Il direttore del Servizio igiene alimenti e nutrizione dell’ASL di Brindisi ha emesso un’ordinanza con la quale ha disposto la sospensione immediata dell’attività di deposito di vini non autorizzata svolta all’interno di un’azienda vitivinicola di Ostuni.

L’ordinanza è stata emessa a seguito di un’ispezione da parte dei carabinieri del Nucleo antisofisticazioni e sanità di Taranto.

Nella circostanza è stata accertata l’attivazione di un deposito di attrezzi agricoli, all’interno del quale era stato ricavato uno spazio utilizzato come deposito di vino imbottigliato.

In particolare, riguardo al deposito, è stata rilevata l’assenza della registrazione dell’attività alimentare che non è risultata censita nella planimetria allegata alla D.I.A. sanitaria.

Il valore della struttura ammonta a 100mila euro.

 

 

 

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter