Nuovi presidente e direttivo per l’Associazione volontari prociv – postazione 118 di Oria

Il neo presidente Calò (in basso a destra in abiti civili) con gli altri volontari

Tante novità, ma soprattutto continuità per l’associazione “Associazione Volontari Protezione Civile – Comune di Oria” nata nel lontano 1994 per volontà di Massimo Calò che subito dopo la fondazione fu nominato segretario nonostante la restante parte dei fondatori lo volesse presidente.

In questi 25 anni di attività l’associazione si è distinta per tantissime attività, servizi e missioni.

Tra le missioni ricordiamo in primis la ” Missione Arcobaleno”, prima esperienza di volontariato oltre i confini nazionali, iniziativa di solidarietà promossa nel 1999 dal governo italiano per aiutare i profughi Albanesi durante la guerra del Kosovo, l’associazione ha aderito con l’invio di tre volontari dell’AVPC Oria che si imbarcarono con un camion carico di viveri e alimenti a bordo della nave militare Italiana con destinazione Durazzo.

Nel 1995 avvenne l’acquisto, con il contributo dei volontari, e in particolare del volontario ora defunto Ciccio Calò, della prima ambulanza.

Nel 2002, in Molise, volontari dell’AVPC Oria presero parte ai soccorsi per la strage causata dal terremoto verificatosi tra il 31 ottobre e il 2 novembre 2002, con epicentro situato in provincia di Campobasso; i soccorsi furono inizialmente prestati da volontari del posto ad essi si aggiunsero anche  i quattro dell’AVPC Oria.

Negli anni a seguire l’AVPC Oria si è distinta per la partecipazione a manifestazioni e servizi anti incendio e di protezione civile, effettuati anche grazie all’acquisto di un fuoristrada; fino ad arrivare al 2009, anno di ingresso nell’importante servizio urgenza-emergenza 118 BR, servizio per il quale l’associazione si è dotata di altre ambulanze fornite di strumenti salva vita.    

Dopo l’Assemblea svoltasi il 22 gennaio 2019, nella quale sono state rinnovate le cariche elettive, il nuovo Presidente Massimo Calò dichiara: «Questa squadra, rinnovata, darà nuovo impulso agli obiettivi del Direttivo alla luce delle nuove sfide che ci attendono».

«I temi lanciati – continua Calò – cari all’associazione e su cui concentreremo la nostra agenda 2019-2022 saranno: Promozione, Formazione e Competenze, Attestazioni e Rafforzamento del ruolo della Associazione nella società. Per quanto riguarda la formazione ci siamo già attivati per formare 10 nuovi volontari soccorritori che potranno svolgere servizio a bordo delle nostre ambulanze convenzionate con il servizio 118 Brindisi».

«Per dare risalto a tutto questo – sottolinea il Presidente dell’Associazione – abbiamo deciso di organizzare un evento, dove come sempre l’entusiasmo, l’energia e la determinazione dei nuovi vertici e di tutti i nostri Volontari saranno protagonisti».

Nel direttivo sono stati inoltre nominati i Sig.ri A. Galluzzo, F. Mingolla, A. R. Marrazzo, C. Delli Santi, R. Calò e S. De Mauro che affiancheranno nelle decisioni il Presidente.

«Fare volontariato – spiega il nuovo direttivo – significa essere pronti a sacrificare volontariamente e soprattutto gratuitamente una parte di sé, della propria famiglia, del proprio tempo libero, e farlo per gli altri; vuol dire inoltre gestire in maniera più corretta e trasparente possibile ciò che appartiene ad un gruppo, senza per questo considerarlo proprietà di tutti e quindi di nessuno. Volontariato in poche parole vuol dire, avere voglia che una parte della tua vita appartenga a qualcun altro che a volte neppure conosci».

 

 

 

 

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter