Distributori automatici in ospedale: torneranno a breve nei pronto soccorso, dopo il bando nei reparti


Nei pronto soccorso i distributori automatici di snack e bevande torneranno presto, per i restanti reparti degli ospedali della provincia di Brindisi, invece, sarà necessario avere più pazienza.Dopo aver scoperto che i dispenser finora presenti nei presìdi non erano stati autorizzati, infatti, la Direzione generale dell’Azienda sanitaria locale brindisina ne ha disposto l’immediata rimozione (entro sette giorni) con tanto di diffida alle società proprietarie: servirà una gara specifica e nel peno rispetto della normativa prima che possano esserne collocati dei nuovi.

Il direttore generale dell’Asl di Brindisi Giuseppe Pasqualone

Il direttore generale Asl, Giuseppe Pasqualone, ha da un lato avviato un’indagine interna per eventualmente individuare chi quelle macchinette ce le aveva fatte posizionare nei nosocomi del Brindisino, dall’altro ha disposto che i direttori sanitari territoriali potranno tamponare il problema individuando per le vie brevi dei gestori seri e chiedere loro di dotare temporaneamente, fino alla conclusione della gara, le sale d’attesa dei pronto soccorso di un solo distributore.

Così che pazienti, loro accompagnatori e personale sanitario possano disporre di un servizio di cui – specie al “Dario Camberlingo” di Francavilla Fontana, dove gli apparecchi sono spariti da circa un mese – in molti avvertono la mancanza. Il presidio della Città degli Imperiali è peraltro dotato di un bar esterno che nei festivi è generalmente chiuso e dopo una certa ora nei giorni feriali chiude. Di qui le ovvie difficoltà di ristoro per l’utenza.

Con il bando di prossima pubblicazione, quindi, si porrà fine alla situazione paradossale eppure annosa dei distributori automatici abusivi – con questo aggettivo li ha definiti lo stesso Pasqualone – e si stabiliranno regole certe, costi e ricavi per quelli di futura installazione: non per ultimo, le spese relative all’occupazione di suolo pubblico e al consumo di elettricità.

 

 

 

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter