Mec Generators si rinnova: sede più moderna e super export. Quest’anno il lancio del gruppo ibrido

L’amministratore di Mec Generators Benedetto Proto con uno degli ultimi gruppi prodotti nello storico stabilimento di Oria

 

La storia non s’interrompe, al massimo si rinnova. Dopo aver lasciato lo stabilimento di Oria, da un mese Mec Generators si è trasferita di sede operativa ad Avetrana, lungo la strada provinciale 142 per Manduria (Km 7) in un capannone più moderno, accogliente e dinamico.

Mec Generators, infatti, è una realtà in costante crescita e sempre più apprezzata sia in Italia che all’estero: mensilmente, Mec “sforna” potenti e innovativi gruppi elettrogeni destinati alla Germania, per la precisione a Dortmund, dove risiedono degli importanti committenti che si sono affidati alla qualità indiscussa dei prodotti made in Mec.

E per l’anno in corso, già a partire dalla prossima estate, ci sono importanti prospettive di espansione in Africa e Sud America (Paraguay e Cile in primis) nell’ambito di programmi di potenziamento energetico in corso in questi Paesi. Se l’export è fondamentale, specie durante periodo di flessione per l’economia nazionale, Mec resiste e continua comunque a rappresentare un punto di riferimento anche in Italia, seguendo i suoi clienti storici ai quali continuano ad aggiungersene di nuovi tanto sia per la fornitura dei gruppi che per le manutenzioni.

Come sempre, i cavalli di battaglia Mec sono qualità e innovazione tecnologica – entro il 2019 sarà prodotto e lanciato sul mercato il primo gruppo ibrido, che strizzerà l’occhio tanto ai consumi quanto all’ambiente – senza trascurare il design: se gli elementi più ricercati in un generatore di energia sono da sempre potenza ed efficienza, oggigiorno ha un suo peso anche l’estetica. E pure sotto questo aspetto la rinnovata Mec Generators – erede della gloriosa Mec Elettronica che spopolava negli anni ’80 – recita benissimo la sua parte, quella del protagonista.

 

 

 

 

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter