Termini non rispettati e seduta alla domenica, minoranza chiede rinvio del Consiglio comunale

I sei consiglieri comunali di minoranza di Oria hanno protocollato questa mattina una nota per chiedere al presidente del Consiglio comunale l’annullamento in autotutela delle convocazioni dell’assemblea, in sessione ordinaria, per i giorni sabato 30 e domenica 31 marzo 2018 in quanto – sostengono – non sono stati rispettati i termini di preavviso (cinque giorni liberi e pieni) previsti dalla normativa. In più, indicano come irrituale la seconda convocazione in un giorno festivo. La comunicazione delle convocazioni, infatti, è giunta ai consiglieri lo scorso 26 marzo, cioè tre giorni di preavviso (escludendo quello della notifica e quello della seduta) rispetto a sabato 30 e quattro rispetto a domenica 31 marzo. Di qui, dunque, la richiesta di annullamento in autotutela firmata da Pino Carbone, Ciccio Conte, Domenico D’Ippolito, Cosimo Ferretti, Toni Fullone e Giancarlo Marinò.

Per la cronaca, tra gli argomenti all’ordine del giorno sono inseriti gli atti propedeutici al bilancio preventivo 2019, che avrebbe dovuto essere approvato entro il 31 marzo.

 

 

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter