Il prefetto diffida i Comuni ritardatari: “Bilancio entro 20 giorni o commissariamento”

Il nuovo prefetto di Brindisi, Umberto Guidato, ha sollecitato con una propria comunicazione ufficiale quei Comuni – tra i quali quello di Oria – che non hanno ancora approvato il bilancio di previsione, che avrebbe dovuto essere portato in Consiglio e, appunto, licenziato entro lo scorso 31 marzo.
Il termine, però, in alcuni casi è spirato invano e, dunque, la Prefettura ha assegnato i 20 giorni di legge per provvedervi prima di essere costretta a nominare un commissario ad acta che assolva tale compito.
Nella diffida già notificata a diversi consiglieri comunali di Oria si fissano, dunque, queste due decadi a partire dalla data dell’ultima notifica del provvedimento al sindaco e ai componenti le assise.
C’è da evidenziare come la Giunta di Oria, con a capo la sindaca Maria Lucia Carone, abbia adottato lo schema di bilancio, non ancora pubblicato sull’albo pretorio comunale, in data 3 aprile 2019.
Nei prossimi giorni, in ogni caso, sarà necessario convocare la massima assemblea civica per ovviare al ritardo.
Si parla di una possibile convocazione per venerdì 26 aprile, ma anche a questo proposito non si escludono reazioni e prese di posizione da parte dei consiglieri di opposizione.

 

 

 

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter