Perseguita l’ex marito e la sua nuova compagna: 56enne bloccata e arrestata dai carabinieri



Non ha per niente accettato la separazione dal marito e che quest’ultimo nel frattempo si sia, come si suol dire, rifatto una vita. I carabinieri dell’Aliquota radiomobile della compagnia di Francavilla Fontana hanno arrestato in flagranza di reato una 56enne francavillese, per stalking: ha perseguitato, infatti, sia l’uomo sia la sua nuova compagna.La situazione critica tra gli ex coniugi era già nota ai militari dallo scorso mese di febbraio, quando una pattuglia dell’Arma dové intervenire per sedare una violenta lite familiare in corso: in quell’occasione, la donna aveva anche minacciato l’ex marito con delle forbici. L’intervento dei militati si era comunque esaurito con una denuncia della 56enne, che proprio non riusciva a farsi una ragione di quella nuova relazione sentimentale dell’uomo.Ieri, invece, i carabinieri sono dovuti intervenire a casa della nuova compagna di quest’ultimo, dove – tanto per cambiare – era scoppiato un asperrimo litigio tra i due ex coniugi. Nella circostanza, la donna ha cercato ripetutamente di scagliarsi contro l’uomo e la sua nuova compagna e soltanto l’intervento delle forze dell’ordine ha scongiurato il contatto fisico fra i tre, nonostante i tentativi dell’ex moglie di divincolarsi per aggredire l’ex marito come già aveva fatto qualche giorno prima quando, all’uscita da lavoro, gli aveva persino lacerato la maglietta.

Prima che arrivassero gli uomini in divisa, la 56enne si era introdotta di prepotenza nell’abitazione della rivale e immediatamente l’aveva colpita in viso con un pugno e le aveva messo le mani al collo.

Sia l’uomo che la sua nuova compagna hanno poi raccontato agli investigatori come dal mese di gennaio 2019 siano sotto costante pressione e ricevano dall’ex moglie di lui continue minacce e violenze, anche psicologiche, tali da aver generato in loro un perdurante stato di ansia e paura fino a temere per la propria stessa incolumità.

Infatti, da quando ha interrotto il rapporto coniugale ed è andato a vivere con la nuova compagna, l’uomo ha cominciato a ricevere numerosissime telefonate e altrettanti messaggi, oltre che “pizzini” scritti sulla carta da cucina e imbucati nella cassetta delle lettere, dai toni offensivi e minacciosi.

Un episodio, piuttosto grave, si è verificato quando l’ex moglie, con un martello tra le mani, si è avvicinata all’auto dell’ex marito e con quell’utensile ha infranto uno dei finestrini, per giunta mentre la coppia era all’interno dell’abitacolo. Un’altra volta, invece, ha tagliato gli pneumatici dello stesso veicolo.

Un’escalation che ha indotto un forte turbamento psicologico nelle vittime, costantemente accompagnate dal terrore di subire l’ira della loro persecutrice. La nuova compagna ha per esempio riferito di non sentirsi più libera di uscire di casa e di patire spesso crisi di pianto.

La presunta stalker, dopo le formalità di rito, è stata collocata ai domiciliari: non potrà spostarsi da casa né comunicare, in qualsiasi forma, con l’ex marito e la sua nuova donna.

 

 

 

 

 

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter