Perseguita e maltratta l’ex moglie: divieto di avvicinamento per un 57enne


Ha maltrattato in più occasioni l’ex moglie e perciò il Gip del Tribunale di Brindisi ha emesso a suo carico le misure cautelari dell’allontanamento dalla casa familiare e di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla donna, misure eseguita dai carabinieri della Stazione di Latiano nei confronti di un 57enne latianese. Questi ha assunto condotte aggressive, assillanti, di minaccia e controllo verso l’ex coniuge.

I primi episodi risalgono ai tempi del matrimonio, quando l’ex marito ha diverse volte schiaffeggiato la donna e minacciato di scioglierla nell’acido. Dopo la separazione, inoltre, non per nulla mollato la presa, anzi: ha cominciato a controllare costantemente l’ex consorte, le frequentazioni di lei e a farle scenate di gelosia. Ha anche detto di voler riottenere a qualsiasi costo la casa coniugale.

Nello scorso mese di marzo, notata l’auto del compagno dell’ex moglie parcheggiata nei dintorni, ha sferrato calci al portone di casa, minacciato di morte la donna e – presenti i carabinieri – l’ha apostrofata in tutti i modi.

Insomma, un comportamento che ha reso frustrante la quotidianità della donna, assalita da costanti stati d’ansia e paura per la propria stessa incolumità.

Di qui, dunque, il provvedimento del giudice: il 57enne non potrà avvicinarsi a determinati luoghi (come la casa familiare) e dovrà comunque mantenersi a una distanza di 250 metri dalla sua ex compagna.

 

 

 

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter