Se ne andava in giro con un decespugliatore rubato poco prima: arrestato 43enne


Dei carabinieri liberi dal servizio l’hanno notato con un decespugliatore tra le mani mentre, a passo svelto e guardandosi attorno, si dirigeva verso viale Duca degli Abruzzi a Brindisi dove sarebbe salito su un bus del trasporto urbano. I militari, ancorché a riposo, si sono insospettiti e hanno deciso di seguirlo. Quando l’uomo si è accorto di avere gente alle calcagna, si è infilato al volo in un pullman, poi fermato dai militari. Questi ultimi hanno raggiunto il loro obiettivo e l’hanno invitato a scendere per consentire al mezzo pubblico di riprendere la corsa e rispettare la tabella di marcia. Così è stato. Chieste le spiegazioni del caso circa il possesso di quell’attrezzo da giardino, il 43enne brindisino C.P. non ne ha saputo fornire di plausibili. Ha prima riferito che gli era stato prestato da un amico, poi che era suo ma che l’aveva appena ritirato dal riparatore (senza però indicare chi fosse stato a ripararlo), infine che l’aveva appena acquistato al mercatino dell’usato. Gli investigatori non hanno, ovviamente, abboccato e hanno anzi accompagnato l’uomo in caserma, dove finalmente ha ammesso di aver rubato il decespugliatore in una villetta nel cui giardino si era introdotto dopo aver scavalcato una recinzione alta circa un metro e mezzo. Così, l’attrezzo è stato restituito al legittimo proprietario, mentre l’autore del furto – già noto alle forze dell’ordine – è stato tratto in arresto e collocato ai domiciliari, così come disposto dall’Autorità giudiziaria.

 

 

 

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter