Inseguimento notturno tra le campagne: a fuoco una Panda, abbandonata una Fiesta. Fuggiti gli occupanti

La notte scorsa, intorno alle 23, nel corso di di un pattugliamento, i carabinieri della Stazione di Villa Castelli hanno intercettato in contrada Barbato e inseguito due auto in fuga: una è stata recuperata tra le campagne, mentre l’altra è stata data alle fiamme. Si tratta di una Fiat Panda e di una Ford Fiesta a bordo delle quali c’erano quattro persone: i rispettivi conducenti, notata la presenza dei militari, hanno aperto il gas e si sono lanciati a folle velocità nelle strade interpoderali, anguste e sterrate. Dopo circa 3 chilometri d’inseguimento, hanno abbandonato i mezzi e sono riusciti a incendiare la sola Fiat Panda per poi scomparire nell’oscurità.

Le ricerche sono state immediatamente estese alle altre pattuglie dell’Arma presenti sul territorio lungo l’intero percorso dell’inseguimento, ma invano. L’incendio della Panda, risultata rubata a Grottaglie (Taranto) lo scorso 30 aprile, è stato estinto dai vigili del fuoco del Distaccamento di Francavilla Fontana. Non troppo lontana dalla Panda è stat poi rinvenuta la Fiesta, all’interno della quale vi erano diversi arnesi da scasso e una centralina per l’accensione auto ma priva di dati identificativi.

Successivamente, gli investigatori hanno eseguito una perquisizione a carico del proprietario della Fiesta, un 41enne di Grottaglie, trovato in possesso di 2 grammi di hashish e della doppia chiave originale dell’utilitaria. Sia la sostanza che la chiave sono state sequestrate e ora la chiave sarà sottoposta ad accertamenti tecnico-scientifici per appurare la presenza di eventuali impronte o tracce di tutti gli occupanti.

Il 41enne, oltre ad essere stato segnalato alla Prefettura quale assuntore di stupefacenti, è stato denunciato a piede libero per favoreggiamento personale in quanto non ha inteso fornire spiegazioni valide circa il possesso della chiave originale della Fiesta. Si è ancora al lavoro per risalire all’identità dei fuggitivi anche grazie ai sistemi di videosorveglianza presenti per strada.

 

 

 

 

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter