Controlli anti-caporalato dei carabinieri, bracciante denunciato per non aver esibito i documenti


Nel corso di uno degli ormai consueti e capillari controlli per contrastare il cosiddetto caporalato in contrada Trullo, a Tuturano, i carabinieri del Nucleo investigativo del Comando provinciale di Brindisi, in collaborazione coi colleghi dell’Ispettorato del lavoro, si sono imbattuti in un 26enne bracciante agricolo del Mali che, alla loro richiesta, non ha esibito il permesso di soggiorno. È però poi comunque emerso come il lavoratore, regolarmente assunto presso un’impresa agricola che coltiva e commercializza ortaggi, avesse formalmente chiesto, presso la Questura di Crotone, il rinnovo del documento, risultato scaduto di recente. 

 

 

 

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter