L’opposizione compatta: «Biblioteca ben gestita, sia rinnovato il contratto a Libermedia»

Si riceve e pubblica:
Il 31 ottobre, scade il contratto tra il comune di Francavilla Fontana e la Società Libermedia. In tale contratto c’è una clausola relativamente al rinnovo dell’affidamento come previsto dalla normativa vigente.
La società ha garantito il servizio attraverso la figura del suo amministratore unico, dottoressa Monica Albano ,mettendo a disposizione titoli, competenze, qualificata esperienza ventennale.
Nell’ambito dell’appalto di gestione della Biblioteca Calò, la dottoressa Albano è andata ben oltre i propri compiti, rendendo dei servizi che hanno contribuito a fare della biblioteca G. Calò un fiore all’occhiello per la nostra città.
Fra i tantissimi compiti svolti con grande professionalità, ha anche coinvolto la comunità con l’istituzione del Patto locale della lettura. Una biblioteca oggi riconosciuta dai cittadini, accreditata sul territorio, avviando anche un rapporto di fiducia non solo con l’utenza ma anche con altre realtà bibliotecarie della provincia, con le istituzioni e le associazioni.
Oltre alle tante attività svolte, la Libermedia, nella persona della dottoressa Albano, ha erogato servizi ordinari all’utenza, la catalogazione del patrimonio librario, visite guidate con le scolaresche, procedure per la tutela del patrimonio, curando i rapporti con l’associazione italiana biblioteche e la soprintendenza archivistica e bibliografica. Consulenza per la compilazione di report e questionari della Regione Puglia e dell’ AIB relativi alla Biblioteca.
Alla luce di tutto ciò, i consiglieri di opposizione chiedono all’amministrazione cosa intende fare riguardo la gestione della Biblioteca.
Noi ci auguriamo che venga rinnovato il contratto alla Libermedia in ragione degli ottimi risultati raggiunti e seguendo quel solco che l’amministrazione afferma di voler tracciare premiando competenza e meritocrazia.
Diversamente, se l’amministrazione dovesse ritenere di “cambiare” anche la gestione della biblioteca, si creerebbe un precedente che si porrebbe, invece, in netta contrapposizione rispetto ai più elementari principi ispiratori in materia di pubblica amministrazione che dovrebbero premiare ed incentivare buona gestione e raggiungimento dei risultati.
I consiglieri di opposizione
Anna Ferreri
Antonio Andrisano
Maurizio Bruno
Luigi Galiano
Stefano Voccoli
Nicola Cavallo
Giovanni Taurisano

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter