Maltratta la compagna e le sottrae la figlia: in carcere 24enne


Ha maltrattato la sua compagna e in un’occasione, senz’averne il consenso, le ha pure sottratto la loro figlioletta di un anno, portandosela in auto e tenendola con sé per un’intera notte. I carabinieri della Stazione di San Pancrazio Salentino in collaborazione coi colleghi di Erchie, a seguito della denuncia da parte della donna, hanno arrestato – in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del tribunale di Brindisi – un 24enne sampancraziese. È accusato, appunto, di maltrattamenti in famiglia, sottrazione di minore e resistenza a pubblico ufficiale nei confronti degli stessi militari.L’arresto rappresenta il triste epilogo di un rapporto di convivenza piuttosto e da sempre travagliato tra l’uomo e la compagna – una ragazza di San Pancrazio – caratterizzato da violenze fisiche e psicologiche nei riguardi della seconda che, stanca, in un paio di occasioni si era allontanata da casa, salvo poi ritornarci nella speranza che il convivente cambiasse atteggiamento.

La situazione non è però mai cambiata: sono ricominciate le minacce e i maltrattamenti sono avvenuti persino alla presenza della figlia della coppia. In qualche occasione il 24enne ha anche minacciato di morte, oltre che la donna, anche i familiari di lei. In un caso, la vittima e sua figlia si sono rifugiate nella caserma dei carabinieri per sfuggire all’ira del giovane. Saputo del fatto, questi si è presentato in caserma in preda a una forte agitazione e, nonostante i militari tentassero di fare da pacieri, ha continuato a inveire nei riguardi della convivente sotto gli occhi della minore.

Di qui, sulla scorta dell’informativa dei carabinieri, la decisione del pm di chiedere la misura cautelare e del giudice per le indagini preliminari di concederla. Dopo le formalità, il 24enne è stato quindi condotto nel carcere di Brindisi.

 

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter