Spaccio internazionale ed estorsione con metodo mafioso: in carcere sei persone

Borgo san Nicola Lecce, carcere

A Brindisi e Torchiarolo, i carabinieri della Sezione operativa della Compagnia di Brindisi, coadiuvati dai militari della Stazione di Torchiarolo, hanno dato esecuzione alla sentenza emessa dalla Corte d’Appello di Lecce nei confronti di sei persone, ritenute responsabili – a vario titolo – di spaccio internazionale di stupefacenti ed estorsione aggravata dal metodo mafioso:

– Giovanni Maiorano, 38enne di Torchiarolo, condannato 7 anni, 7 mesi e 23 giorni;

– Maurizio Maiorano, 47enne di Brindisi, già sottoposto agli arresti domiciliari, condannato alla reclusione di 8 anni, 5 mesi e 26 giorni;

– Gianluca Maiorano, 36enne di Brindisi, già agli arresti domiciliari, condannato alla reclusione di 8 anni, 6 mesi e 4 giorni;

– Luca Lorfei, 40enne di Brindisi, già sottoposto agli arresti domiciliari, condannato alla reclusione di 7 anni, 1 mese e 3 giorni;

– Massimiliano Lasalvia, 31enne di Torchiarolo, già agli arresti domiciliari, condannato alla reclusione di 10 anni, 5 mesi e 26 giorni;

– Francesca Perrone, 34enne di Torchiarolo, detenuta presso la sezione femminile della casa circondariale di Lecce, condannata alla reclusione di 8 anni.

I fatti finiti a processo furono commessi nelle province di Brindisi e Lecce tra il 2012 e il 2015. Le indagini furono condotte dal Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Brindisi. Gli arrestati, dopo le formalità, sono stati condotti nelle carceri di Brindisi e Lecce.

Resta aggiornato

Iscriviti alle nostre newsletter